Oceania Championships Buffalo Stampeade

Di GIANCARLO COSTA ,

Mira Rai  e Stevie Kremer
Mira Rai e Stevie Kremer

Con le due gare della Buffalo Stampeade, la Sky e la Ultra, si è chiusa la prima fase stagionale dello skyrunning internazionale, quella che ha visto l’assegnazione, prima dei titoli asiatici, quindi di quelli oceanici.

Se in Asia erano già emersi interessanti spunti tecnici, in Australia sono arrivate le conferme e altre importanti novità con gli Skyrunning Oceania Championships. Potendo contare sulla presenza e sul confronto con alcuni atleti di rinomata caratura internazionale, Stevie Kremer, Tom Owens e Michel Lanne su tutti, i risultati degli atleti oceanici e asiatici assumono ancora più rilevanza.

Buffalo Stampeade Ultra SkyMarathon 75 km

Nella gara di Ultra distanza, il nome che più di ogni altro è emerso è quello di Landie Greyling. Con un tempo finale di 9h40, ovvero la decima prestazione assoluta di giornata, l’australiana classe 1984 si è imposta, con un vantaggio di 19’, sull’australiana Beth Cardelli vincitrice del titolo continentale. Alle loro spalle, le altre australiane Julie Quinn e Gill Fowler, rispettivamente argento e bronzo sempre nei campionati continentali.

Dopo i brillanti risultati ottenuti nel corso del 2014, quindi, per Landie Greyling si aprono di diritto le porte sul prestigioso palcoscenico dello skyrunning internazionale con la partecipazione al Dodo Trail, valevole per gli African Championship, e alle gare delle Skyrunner® World Series.

In campo maschile, come da pronostici, la vittoria di giornata è andata all’inglese Tom Owens nonostante un tempo finale di 8h17 nettamente superiore alle 7h48 fatte registrare lo scorso anno dal vincitore Dakota Jones. Alle sue spalle, vincitore del titolo continentale, l’australiano Andrew Tuckey, che legittima ulteriormente il 6° posto conquistato lo scorso anno all’Ultra-Trail du Mont-Blanc e il 2° alla TNF 100 Australia. Alle loro spalle, terzo il neozelandese Martin Lukes e quinto l’australiano John Winsbury, rispettivamente argento e bronzo nei campionati.

Risultati Ultra 75 km

UOMINI

1. Tom Owens (GBR) – Salomon - 8h17’02”

2. Andrew Tuckey (AUS) - 8h28’46”

3. Martin Lukes (NZL) - 8h53’40”

4. Thomas Brazier (AUS) - 9h04’55”

5. John Winsbury (AUS) - 9h05’17”

DONNE

1. Landle Greyling (RSA) – Salomon - 9h40’42”

2. Beth Cardelli (AUS) 9h59’46”

3. Julie Quinn (AUS) 10h05’34”

4. Gill Fowler (AUS) 10h16’13”

5. Jo Johansen (NZL) 10h17’31”

Medagliere Skyrunning Oceania Championships 2015 - ULTRA

Ultra - uomini

Oro - Australia

Argento – New Zealand

Bronzo – Australia

Ultra - donne

Oro - Australia

Argento – Australia

Bronzo – Australia

Buffalo Stampeade SkyMarathon 41 km

Nella distanza Sky, i nomi che più di ogni altro emergono dai campionati oceanici sono quelli degli australiani Blake Hose, vincitore tra gli uomini e Hanny Alston, seconda classificata tra le donne.

Già quarto nella Ultra inaugurale in Cina, Blake Hose si porta quindi a casa la vittoria, il titolo continentale,  il nuovo record del percorso abbassato di oltre 25’ e, soprattutto, si mette alle spalle atleti del calibro del francese Michel Lanne e del nepalese Samir Tamang. Alle sue spalle, per la classifica dei campionati oceaninici, argento a David Byrnee bronzo a Martin Dent.

Tra le donne, pronostici rispettati dall’americana Stevie Kremer che, con il sesto tempo assoluto di giornata di 4h26,  rprecede di soli pochi minuti Hanny Alston e abbassa il record del percorso detenuto dalla neozelandese Anna Frost di 35’. Al terzo posto, nonostante un ritardo di oltre 25’ non in linea con le aspettative ma sicuramente inficiato dal ritardo nell’ottenimento del visto australiano e le conseguenti tempistiche di viaggio, si classifica la nepalese Mira Rai, già vincitrice degli Asia Championship nella specialità Ultra. Per la classifica dei campionati oceanici, argento a Joanne Tought e bronzo a Maggie Jones.

Risultati Sky 41 km

UOMINI

1. Blake Hose (AUS) – Salomon -3h59’57”

2. David Byrne (AUS) – New Balance -4h20’43”

3. Michel Lanne (FRA) – Salomon - 4h22’14”

4. Samir Tamang (NEP) - 4h22’20”

5. Martin Dent (AUS) - 4h23’28”

DONNE

1. Stevie Kremer (USA) – Salomon - 4h26’54”

2. Hanny Allston (AUS) – The North Face - 4h31’26”

3. Mira Rai (NEP) - 4h52’34”

4. Joanne Tough (AUS) - 5h40’02”

5. Shiri Leventhal (CAN) - 5h52’50”

Medagliere Skyrunning Oceania Championships 2015 – SKY

Sky - uomini

Oro - Australia

Argento – Australia

Bronzo – Australia

Sky- donne

Oro - Australia

Argento – Australia

Bronzo – Australia

Fonte federationservice.com

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti