Nel Vertical Fenis trionfano i gemelli Dematteis, Chiara Giovando e Sarah Mccormack al femminile

Di GIANCARLO COSTA ,

Partenza Vertical Fenis 2018 (foto acmediapress)
Partenza Vertical Fenis 2018 (foto acmediapress)

Atleti di prestigio hanno infiammato e vinto la terza edizione del Vertical di Fénis, la prima prova del Défi Vertical, il circuito abbinato al Tour Trail della Valle d'Aosta. Gli iridati di corsa in montagna Bernard e Martin Dematteis hanno dominato la terza edizione del Memorial Brunier che ancora una volta ha fatto il pieno di iscritti per una giornata che è andata oltre l'agonismo. Sabato 28 aprile, è stata anche la giornata dei record con i nuovi limiti fissati del K1 femminile e maschile.

A vincere il K1 di 5 chilometri è stata l'irlandese Sarah Mccormack con il tempo di 46'58”. Una gara tutta all'attacco per la medaglia di bronzo iridata ai Mondiali a squadre del 2014. Ha staccato la triathleta, due partecipazioni ai Giochi Olimpici, Charlotte Bonin, all'arrivo in 51'32”. Terzo gradino del podio per Chiara Fumagalli in 51'32”.

In campo maschile grande gara del cuneese Martin Dematteis che ha abbassato di 31” il precedente tempo, vincendo con il crono di 39'55”. Il secondo e terzo posto sono stati conquistati dal lombardo Massimiliano Zanaboni in 40'23” e dal valdostano Henri Aymonod in 41'17”.

Spettacolare anche il K1.5, leggermente accorciato per la tanta neve ancora presente nella parte alta del percorso. La gara femminile è andata alla canavesana Chiara Giovando dell'Atletica Monterosa in 1h08'08”, brava a precedere la biellese Barbara Cravello in 1h 09'37” e la valdostana Christiane Nex in 1h 09'40”, accreditate con due tempi differenti, ma arrivate al traguardo insieme, in seconda posizione pari merito.

Al maschile il favorito Bernard Dematteis non ha sbagliato e ha battuto tutta la concorrenza, prendendosi il successo con il tempo di 52'13”. Secondo e terzo posto per il valdostano Dennis Brunod (55'02”) e per l'elvetico Emmanuel Vaudan (56'23”).

I due traguardi volanti, riservati ai primi passaggi assoluti, sono stati vinti dal valdostano Thierry Brunier, decimo assoluto nel K1 e dal cuneese Bernard Dematteis, già davanti a tutti dopo poche centinaia di metri.

Mentre i protagonisti delle due gare erano impegnati in salita, nei dintorni di Fénis è andato in scena il mini trail non competitivo, aperto a giovani, neofiti e famiglie. Un giro di circa 8 chilometri (dislivello positivo di 300 metri) partito e arrivato in zona Tsanté de Bouva, sede generale della manifestazione e della grande festa finale, scoppiata nel pomeriggio insieme alla popolazione e ai volontari che hanno partecipato all'organizzazione della terza edizione del Vertical di Fénis.

«Siamo un bel gruppo ed è bello correre insieme - racconta Martin Dematteis -. Il percorso di gara è stato fantastico e noi abbiamo fatto una bella sfida, prima di tutto amici. Sono partito insieme agli altri, poi ho preso un po' di vantaggio, ma loro sono sempre rimasti lì, appena dietro».

Fonte acmediapress

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti