Nel Trofeo Baroli Sport di Villeneuve (AO) vittorie di Massimo Farcoz e Gaia Colli

Di GIANCARLO COSTA ,

Massimo Farcoz vincitore del Trofeo Baroli Sport (foto pont saint martin)
Massimo Farcoz vincitore del Trofeo Baroli Sport (foto pont saint martin)

Si è corsa a Villeneuve in Valle d’Aosta la 14a edizone del Trofeo Baroli Sport, una classica tra le notturne valdostane, sempre molto partecipata. Una notturna, anzi preserale, fatta di salite, discese, curve e controcurve per 6,92 km, una gara breve ma intensa, dove i continui cambi di direzione e pendenze mette a dura prova le gambe dei protagonisti.

E’ Massimo Farcoz del Pont saint Martin ad aggiudicarsi la gara maschile in 30’34” seguito sul podio da Henri Aymonod 2° in 31'20” e da Christian Joux 3° in 33’18”. Completano la top ten nell’ordine Thierry Brunier, Mathieu Courthoud, Simone Truc, Savino Quendoz, Elwis Pieiller, Davide Nicco e Gabriel Rolland.

Nella gara femminile vince Gaia Colli del Pont Saint Martin in 36’31”, 2a Enrica Perico in 37’12”, 3a Giulia Collavo in 38’36”, 4a Elisa Terrazzino e 5a Federica Barailler.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti