Mirtillo Running Vertical Sprint

Di GIANCARLO COSTA ,

Mirtillo Running Vertical Sprint (foto Ferrari)
Mirtillo Running Vertical Sprint (foto Ferrari)

Una 9ª edizione da record per la Mirtillo Running Vertical Sprint, che ha visto ai nastri di partenza più di 150 concorrenti. Sul nuovo tracciato, disegnato tra le vie, le case e i sentieri del piccolo borgo orobico sopra Morbegno, i nuovi tempi da battere sono quelli siglati da Mirko Bertolini (4’59”) e dalla colombiana Catalina Beltram (06’38”). Nel post race standing ovation per Kristian Ghedina, vera guest star della serata inaugurale della sagra che ha dato il nome a questo spettacolare evento

NUMERI DA RECORD E UN NUOVO TRACCIATO ANCORA PIU’ VELOCE

Mirtillo Running Sprint atto nono. A firmare l’edizione 2019, quella che passerà alla storia per il nuovo primato di presenze, ci hanno pensato Mirko Bertolini (4’59”) e la talentuosa atleta colombiana Catalina Beltram (6’38”). I loro saranno i tempi da battere nelle edizioni a venire viste le piccole modifiche apportate al percorso gara che ora termina a pochi metri dalla finish line della International Rosetta Skyrace; la gara principe di queste montagne.

Per il resto format vincente non si cambia con partenza crono ogni 20” in fondo al paese e arrivo dinnanzi sopra il polifunzionale, dopo essere passati tra suggestivi viottoli, lavatoi, corti, case e antiche baite. Un format atipico, ma vincente, 1050m tutti da correre con il cuore in gola che hanno premiato la grinta e la forza esplosiva di Mirko Bertolini. Unico a stare sotto il muro dei 5’, il verde nero della Recastello ha messo in fila il morbegnese Marco Leoni (5’00”) e il talamonese Tommaso Caneva (5’05”). Strappano un post nella top ten di giornata anche Filippo Curtoni, Jaime Hernando Lopez, Ashley Ruffoni, Riccardo Lerda, Cristian Menghi, Alessandro Gusmeroli e Matteo Zugnoni.
Al femminile alle spalle di Catalina Beltran due giovanissime runner locali Irene Gusmeroli (06’57”) e Matilde Svanella (7’17”). Completano la top five di giornata la morbegnese Laura Tacchini e la “local” Serena Piganzoli.

STANDING OVATION PER KRISTIAN GHEDINA
Vera guest star della serata inaugurale della Sagra del Mirtillo è stato il più vittorioso discesista italiano di sempre. Un polifunzionale gremito all’inverosimile gli ha reso omaggio rivivendo a suon di video le tappe di un’epica carriera. Ad accompagnarlo in questo emozionate viaggio, ricco di aneddoti e di esilaranti fuoriprogramma, una delle voci televisive dello sci alpino italiano, la giornalista valdostana di Sky Elisa Calcamuggi. I due hanno intrattenuto il pubblico che ha atteso sino alla fine per portarsi a casa un autografo o una foto ricordo del campionissimo cortinese.

ORA RIFLETTORI PUNTATI SULLA INTERNATIONAL ROSETTA SKYRACE
Giusto il tempo di archiviare il successo della Mirtillo Running Vertical Sprint, primo vero appuntamento dell’estate podistica griffata Sport Race Valtellina, che lo staff di Massimo Zugnoni è già pronto a focalizzare l’attenzione sulla gara principe delle vette orobiche. Già perché nella Valle del Bitto il primo settembre sarà tempo di International Rosetta Skyrace.

Per quattro anni consecutivi finale del prestigioso circuito La Sportiva Mountain Running Cup, la sky disegnata sui sentieri, le cime e gli alpeggi della Valle del Bitto si prepara a una nuova stellare edizione. Le iscrizioni sono apertissime e stanno andando a gonfie vele. E come ogni anno non mancheranno i big della specialità che, sullo spettacolare tracciato sondriese, sono soliti dare bagarre a suon di record.

Fonte sportdimontagna

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti