Matterhorn Ultraks: William Boffelli e Daniel Antonioli sbancano Zermatt

Di GIANCARLO COSTA ,

William Boffelli vincitore della Matterhorn Ultraks (foto organizzazione) (1)
William Boffelli vincitore della Matterhorn Ultraks (foto organizzazione) (1)

Se il coronavirus non si mette di mezzo, siamo ancora in tempo per vederne delle belle, alle gare da qui alla fine dell’anno. In attesa dello spettacolo di domenica al Challenge Stellina con il Campionato Italiano di Corsa in Montagna, in questo venerdi di fine agosto, ai piedi del Cervino, anzi del Matterhorn visto che si correva nella Svizzera Zermatt, è stato lo skyrunning italiano ad dar spettacolo oltre confine. Superba prestazione per il nazionale di scialpinismo William Boffelli e per l’Alpino Daniel Antonioli, campione di Winter Triathlon e protagonista dello skyrunning internazionale l’anno scorso. Si sono imposti nella Matterhorn Ultraks, una sorta di festival dello skyrunning con 5 percorsi, il più tecnico e importante, l’Extreme di 25 km e 2876 metri di dislivello, dominato dai 2 azzurri.

In 3h23’32” il bergamasco William Boffelli ha sbaragliato la concorrenza, così come Daniel Antonioli che arriva alle spalle di Boffelli in 3h30’59”, con lo svizzero Pascal Egli sul terzo gradino del podio in 3h31’46”.

Nella gara femminile s’impone la Ceca Marcela Vasinova in 4h11’12”, seguita sul podio dall’americana Hillary Gerardi seconda in 4h25’23” e dalla svizzera Amelie Bertschy terza in 4h39’37”.

  • Snowboarder, corridore di montagna, autore per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it e bici.news. In passato collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999, collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000. Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD e MONTAGNARD FREE PRESS dal 2002 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT nel 2006. Collaboratore della rivista ALP dal 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti