Massimo Farcoz e Ornella Bosco su tutti nel Verticalaser Km Verticale di Inverso di Vico Canavese (TO)

Di GIANCARLO COSTA ,

Massimo Farcoz vincitore del Verticalaser di Inverso Valchiusella (foto Giacomo Grosso)
Massimo Farcoz vincitore del Verticalaser di Inverso Valchiusella (foto Giacomo Grosso)

Sono 4 le edizioni del Verticalaser “Memorial Mauro Caffaro”, gara di corsa in montagna in Valchiusella, da Inverso di Vico Canavese verso il Mont Lion, un Km Verticale molto ripido e impegnativo, che a 3,8 chilometri di sviluppo abbina 1000 metri di dislivello positivo, con partenza dai 750 metri della trattoria l'Moulin fino ai 1750 metri dell'Alpe Fontana. Gara per scalatori puri dunque, vinta, anzi rivinta come nel 2014, da Massimo Farcoz e Ornella Bosco, corridori che nella gara tricolore di Colere 2014 di questa specialità si sono aggiudicati il titolo italiano rispettivamente nella categoria Promesse, Farcoz, e Master, Bosco. Al di la del valore dei protagonisti, questa è una gara che conserva i tratti distintivi della corsa in montagna ruspante delle origini, che è alla base della popolarità che questo sport ha assunto prima con il mondo skyrunning, ora con il mondo trail, ma che sostanzialmente rimane sempre corsa sui sentieri di montagna.

Unico neo sono stati i relativamente pochi partenti, 61, che speriamo non scoraggino gli organizzatori, la Podistica Valchiusella, la Pro Loco di Meugliano e la famiglia Benone, a continuare a proporre questa bella gara. Gara che sì è corsa in un caldo torrido su tre quarti del percorso, prima degli ultimi 500 metri di gara, quando la nebbia ha attenuato la morsa della canicola di questa calda estate.

Seconda vittoria in questa gara per Massimo Farcoz, il giovane talento della corsa in montagna valdostana, allenato da Erminio Nicco del Pont Saint Martin, che tra due settimane sarà impegnato con la maglia dell'Italia nell'incontro internazionale in Galles, un ritorno a vestire l'azzurro, per lui che fu protagonista da junior dei mondiali in Slovenia del 2010, nel quale conquistò una medaglia di bronzo a squadre. In Galles sarà impegnato in una gara di salita e discesa, non il massimo per lui che è scalatore puro, ma si sta preparando a puntino per ben figurare e oggi nel Verticalaser ha dominato la gara pur privo di avversari che lo potessero impensierire. Chiude con il tempo di 40'10”, senza attaccare il suo record del 2014 di 39'26”, ma il caldo infernale di oggi consigliava a tutti di non esagerare con i “fuorigiri”. Alle sue spalle lo seguono sul podio Giancarlo Costa 2° in 45'31”, terzi pari merito Thomas Young e Roberto Giacchetto in 46'20”, 5° Mathieu Brunod, lo junior figlio d'arte di Bruno Brunod che sta dimostrando ottimi numeri su tutti i terreni, 6° Giorgio Prelle in 48'10”, 7° Ivo Lazier in 49'10”, che ha vinto la speciale categoria dedicata agli ex-alpini, 8° Silvano Dalbard in 49'47”, 9° Luigi Bianchetti in 50'37” e 10° Manuel Benone in 50'53”.

Nella gara femminile vince arrivando anche 5a assoluta, l'inossidabile Ornella Bosco della Libertas Forno in 47'08”, 2a Elisa Arvat in 51'01”, 3a Lara Paganone in 52'24”, 4a Iva Borgesio in 56'50” e 5a Carla Young in 57'32”.

In allegato la classifica complete e le foto della gara.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti