Marco De Gasperi e Hillary Gerardi hanno siglato il miglior tempo conosciuto sul Sentiero Roma

Di GIANCARLO COSTA ,

Marco De Gasperi sul Sentiero Roma (foto Julene lorza)
Marco De Gasperi sul Sentiero Roma (foto Julene lorza)

Marco De Gasperi e Hillary Gerardi hanno siglato il nuovo FKT (Fastest Know Time) sul Sentiero Roma, il tecnicissimo itinerario in quota (54km 4500 m d+) che collega la Valchiavenna alla Valmalenco e che, nel tratto intermedio della Valmasino, ripercorre a ritroso il mitico Trofeo KIMA, la più tecnica e prestigiosa gara di skyrunning a livello mondiale. Se De Gasperi è andato a migliorare il precedente primato siglato meno di un mese fa dallo skyrunner di casa Valentino Speziali (8h’42’32”), quello stabilito dalla forte atleta americana sembra essere a tutti gli effetti il primo riscontro cronometrico di riferimento al femminile.

Un vero e proprio blitz quello dei due campioni del Team Scarpa che, rispettivamente, hanno stoppato il cronometro sullo stratosferico tempo di 7h53’41” (Marco De Gasperi) e 10h06'41" (Hillary Gerardi). Mica male se si pensa che l’itinerario affrontato con partenza da Novate Mezzola e arrivo a Torre Santa Maria viene abitualmente percorso da un trekker medio in 3 giorni. Dimostrando doti tecniche non indifferenti De Gasperi e Gerardi hanno superato ben 8 passi alpini sopra i 2500m (Barbacan, Camerozzo, Qualido, Averta, Torrone, Cameraccio, Bocchetta Roma, Corni Bruciati) prima di buttarsi a capofitto verso il traguardo posto all’altezza della chiesa del piccolo borgo malenco.

LA STORIA DI QUESTO RECORD

Sfogliando il libro dei ricordi, affiorano diversi tentativi sul mitico Sentiero Roma. Se l’ultimo in ordine di tempo era quello di Valentino Speziali (8h42’32”), va precisato che uno dei primi a percorrere l’intero Sentiero Roma in versione “racing” è stato Luciano Capitani che, nel 1985, giunse a Torre Santa Maria in 9h35'15". Flavio Arrigoni impiegò invece 9h15’48’’. Il 12 settembre del 2001, Fabio Contessa (meno di 7 ore il suo personale al Kima) fermò il cronometro a 9h 4’ e spicci in una giornata infausta dal punto di vista climatico.

NON SOLO RUNNER
I più giovani a percorrere l’intero Sentiero Roma, che dalla Val Codera porta sino a Torre Santa Maria, sono stati il famoso scalatore sondriese Luca “Rampikino” Maspes e il bormino Andrea Salini. Il primo nell’82, all’età di 9 anni, impiegò 6 giorni effettuando il passo Qualido ed includendo quindi anche il rifugio Omio, mentre il secondo, a soli 8 anni, ha affrontato la variante Barbacan guadagnando così un giorno.

Fonte press office sportdimontagna

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti