Maratona di New York: vittoria per Wilson Kipsang . Fra le donne la Keitany

Di MARCO CESTE ,

Kipsang al traguardo
Kipsang al traguardo

Oltre 50 mila i runner che hanno preso parte all'edizine 2014 della Maratona di New York. Sulle strade della città statunitense si è vissuto il solito incredible spettacolo di colori, con il serpentone dei partecipanti che ha colorato le vie newyorchesi.

Un clima decisamente pessimo quello che ha accolto i runner, non tanto per il freddo ma soprattutto per il vento molto forte. Le raffiche hanno toccato i 35 chilometri orari e hanno dunque impedito agli atleti di gareggiare a velocità sostenute complicando di molto le loro performance.

Nella gara femminile, niente da fare per Valeria Straneo che non regge il ritmo delle atlete africane. Sono due kenyane a giocarsi la vittoria fino all'ultimo metro, con Mary Keitany che ha battuto di soli 3" Jemima Sungong con il crono di 2h25'07". Terza la poroghese Sara Moreira con 2h26'00".

Nella corsa maschile, sono il kenyano Wilson Kipsang e l'etiope Lelisa Desisa a restare soli negli ultimi chilometri. I due hanno fatto il vuoto staccando gli avversari, soprattutto il kenyano Geoffrey Mutai, il grande favorito della vigilia. Valeria Straneo ottava con 2h29'24".

Finale splendido con i due atleti affiancati che attaccano e rispondono l'uno all'altro. Ma è Kipsang ad andare a vincere la maratona di New York con il crono di 2h10'59". Per l'etiope crono di 2h11'06". Terzo l'altro etiope, Gebre Gebremariam, con 2h12'13". 15° posto per Danilo Goffi, primo atleta europeo con il tempo di 2h19'44".



Può interessarti