Maratona di Valencia: Valeria Straneo ottava in 2h30m26s

Di GIANCARLO COSTA ,

Valeria Straneo (foto d'archivio)
Valeria Straneo (foto d'archivio)

L’azzurra Valeria Straneo ha corso la Maratona di Valencia, in Spagna, concludendo la sua prova con il tempo di 2h30’26” all’ottavo posto. La sua ultima maratona era stata quella olimpica di Rio de Janerio, poi una serie di infortuni e acciacchi l’avevano fermata e un po’ confinata all’oblio dell’atletica che conta, tant’è che qualcuno dopo il suo successo al campionato italiano di mezza maratona, aveva scritto di sorpresa. Era invece il segno della riscossa per la vice-campionessa mondiale ed europea, record-woman italiana con 2h23’44” con dopo i tanti acciacchi dell’ultimo biennio. In una corsa affrontata con poco più di due mesi di preparazione specifica sotto la guida tecnica del nuovo allenatore Massimo Magnani, la Straneo è passata alla mezza in 1h14’36” ed ha concluso con grande sua soddisfazione la quindicesima maratona in carriera.

“Sono davvero contenta – la dichiarazione di Valeria Straneo alla Fidal - perché in pratica è andata come speravo. Ho sentito la fatica nelle gambe dal 26° chilometro, a livello muscolare, ma credo di essermi difesa abbastanza bene. A un certo punto ho pensato: come faccio ad arrivare alla fine? Anche se il ritmo è un po’ calato, ci sono riuscita. Non sono partita troppo prudente, ma stavo comoda a quel passo e le condizioni meteo erano ottime. Ascoltavo soprattutto le sensazioni, non ho quasi mai guardato l’orologio. Sapevo che il peggio sarebbe arrivato in fondo e sono soddisfatta anche dell’approccio mentale”

La Maratón Valencia Trinidad Alfonso EDP, IAAF Gold Label, è stata dominata dagli etiopi al maschile e al femminile, che hanno anche stabilito i nuovi record della corsa.

Nella gara maschile vittoria di Leule Gebrselassie con il tempo di 2h04’31”, seguito sul podio da El Hassan El Abbassi 2° in 2h04’43”, marocchino con passaporto del Bahrain e dal keniano Matthew Kipkoech Kisorio 3° in 2h04’53”. Al femminile vittoria dell'etiope Ashete Dido in 2h21'14".

In 22000 hanno corso a Valencia e un decimo erano italiani. Il migliore è stato Alessandro Brancato del Gp Parco Alpi Apuane 30° in 2h17’59”. Fra le donne sedicesima Elisa Stefani del Brancaleone Asti in 2h38’16” e 32a l’azzurra della corsa in montagna Barbara Bani del Freezone in 2h48’30”.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti