Maratona di Amsterdam: vittorie del keniano Vincent Kipchumba e dell'etiope Degitu Azmeraw

Di GIANCARLO COSTA ,

L'etiope Degitu Azmeraw vincitrice della Maratona di Amsterdam (foto organizzazione)
L'etiope Degitu Azmeraw vincitrice della Maratona di Amsterdam (foto organizzazione)

Si è disputata domenica 20 ottobre la Maratona di Amsterdam. Fa notizia la gara femminile, con l'etiope Degitu Azmeraw all’esordio in maratona che ha vinto la classica olandese con il record della corsa in 2h19’26”, che è il secondo debutto più veloce di sempre. L’etiope ha corso in 1h10’00” la prima metà e 1h09’26” nella seconda parte. Dominio etiope in questa gara con le connazionali Tigist Girma seconda in 2h19’52”, Azmera Gebru terza in 2h20’48” e Besu Sado quarta in 2h21’03”.

Ritmi velocissimi con la gara maschile, con quattro finisher sotto le 2h06. Vittoria del keniano Vincent Kipchumba in 2h05’09”, secondo gradino del podio per l'etiope Solomon Deksisa in 2h05’16”, terzo l'altro keniano Elisha Rotich Kipchirchir in 2h05’18” e l'altro etiope Betesfa Getahun quarto in 2h05’28”.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti