Manuel Da Col e Alba De Silvestro vincono l'Auronzo Vertical Contest, prima prova di Tre Cime Experience by Scarpa

Di GIANCARLO COSTA ,

Partenza Auronzo Vertical Contest (foto fb Misurina)
Partenza Auronzo Vertical Contest (foto fb Misurina)

Manuel Da Col conferma la vittoria del 2015 con record nella prova di sola salita griffata Cadini Promotion, davanti al Centro Sportivo Esercito al completo! Già, perchè erano presenti proprio gli scialpinisti del CSE e della Nazionale ad impreziosire questa gara, e hanno monopolizzato la classifica per le prime posizioni, tranne che per la prima.

Vittoria dunque di Manuel Da Col in 31'30”, anche nuovo record della gara. Secondo Davide Magnini in 31'39”, terzo Michele Boscacci con 31'58”. Completano la top ten Nadir Maguet 4° in 32'24”, Manfred Reichegger 5° in 32'28”, Damiano Lenzi 6° in 33'18”, Robert Antonioli 7° in 34'24”, Matteo Eydallin 8° in 35'17”, Olivo Da Prà 9° in 35'35” e Francesco Gentilucci 10° in 36'11”

Nella gara femminile Alba De Silvestro trionfa con 42'07”, 2a Giulia Scardoni in 43'32” e 3a Francesca Di Sopra in 43'46”.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti