Lo spagnolo Luis Alberto Hernando e la francese Caroline Chaverot nuovi Campioni del Mondo di Trail

Di GIANCARLO COSTA ,

Il podio dei Campionati Mondiali di Trail a Geres (foto corredordemontana)
Il podio dei Campionati Mondiali di Trail a Geres (foto corredordemontana)

Sono lo spagnolo Luis Alberto Hernando e la francese Caroline Chaverot i nuovi Campioni del Mondo di Trail al termine della rassegna iridata corsa oggi in Portogallo a Geres, su un percorso di 85 km con circa 5000 metri di dislivello da correre in salita e in discesa. Erano i favoriti della vigilia e così è stato.

Nella gara maschile Hernando si è messo alle spalle la Francia, visto che i galletti transalpini piazzano 4 loro portacolori alle spalle dello spagnolo, confermando una supremazia a squadre che è nel loro dna-trail, visto che questa versione della corsa fuoristrada è stata promossa e organizzata da sempre proprio dai francesi che hanno quindi un nucleo di top runner di alto livello da spendere anche nelle manifestazioni istituzionali come un Campionato Mondiale oltre che nelle grandi classiche.

Oro per Luis Alberto Hernando in 8h20’26’’, argento per il francese Nicolas Martin in 8h30'06” e bronzo per Sylvain Court in 8h30’39”, campione uscente che si conferma comunque sul podio mondiale. Completano la top ten i francesi Benoit Cori 4° in 8h 36'25”, Ludovic Pommeret 5° in 8h44'15”, lo svizzero Diego Pazos 6° in 8h54”, il francese Aurelien Collet 7° in 8h55'57”, lo spagnolo Tofòl Castaner 8° in 8h58'28”, il britannico Andy Symonds 9° in 9h00'40” e il tedesco Stephan Hugenschmidt 10° in 9h01'19”. Per gli italiani miglior piazzamento per Georg Piazza 17° in 9h23'50”, Giulio Ornati 32° in 9h48'01”, Luca Carrara 35° in 9h51'05”, Carlo Salvetti 41° in 10h09'00” e Giuliano Cavallo 46° in 10h18'08”. Italia quinta nella classifica a squadre, oro avviamente alla Francia e argento alla Spagna.

Nella gara femminile vince quella che ormai è da considerare una leggenda del trail running: la francese Caroline Chaverot in 9h39’40”. La Chaverot, oltre che essere la campionessa mondiale uscente, quest'anno ha vinto praticamente tutte le corse di alto livello, dall'UTMB alla Transgrancanaria, dall'Ultra Trail World Tour ai Mondiali Skyrunning Ultra. Alle sue spalle sul podio salgono la spagnola Azara Salmones argento in in 9h45'01” e bronzo per l’olandese Ragna Debats in 9h47’38”, con la francese Nathalie Mauclair 4a in 10h13'37” e la spagnola Gemma Arenas 5a in 10h21'11”. Le italiane in gara erano Cristiana Follador 25a in 11h32'27” e Virginia Oliveri 26a in 11h33'07”, al traguardo anche Lara Mustat in 12h45' e Lisa Borzani, ritirata Simona Morbelli.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti