A Limone sul Garda la finale del circuito Migu Run Skyrunner World Series

Di GIANCARLO COSTA ,

Limone Extreme 2018 (foto Torri) (1)
Limone Extreme 2018 (foto Torri) (1)

Tutto pronto a Limone sul Garda per un fine settimana di Skyrunning con la “S” maiuscola. Le 4 gare griffate Dynafit vedranno ai nastri di partenza atleti provenienti da oltre 40 nazioni. Ad attenderli salite strapiombanti, creste aeree a picco sul lago e discese a dir poco funamboliche. In programma Vertical de la Mughéra (3700m di sviluppo 1080mD+, start venerdì ore 17), Limone Skyrunning Extreme (22.21km 2052Md+, start sabato ore 9.00), 10k (start sabato ore 9.15) e la mitica Skymasters (27,2km 2663m D+ start sabato ore 13).

La finale del Migu Run Skyrunner World Series, quest’anno si preannuncia quanto mai combattuta. Per la prima volta nella storia di questa giovane disciplina saranno ammessi alla prova definita “ Skymasters” solo gli atleti che nel corso dell’estate hanno seguito il circuito di world series. Sarà una super sfida tra 67 atleti da 25 nazioni a rappresentanza di 39 differenti team.

Al termine di una intensa stagione di gare guidano la classifica provvisoria due spagnoli, Oriol Cardona del Team Dynafit e Sheila Avilés (Adidas Terrex). Attenzione però, perché il verdetto finale è tutto da scrivere. Non solo perché la prestigiosa sky dell’Alto Garda assegnerà 250 punti al vincitore (più del doppio rispetto a una classica tappa), non solo perché il gap tra i primi 5 uomini e le prime 5 donne è davvero limitato, ma anche per la presenza di outsider del calibro di Jan Margarit (Salomon) e Denisa Dragomir (Serim) che potrebbero staccare un piazzamento di altissima classica e rimescolare ulteriormente le carte in tavola.

In classifica maschile tallonano il fuggitivo Cardona (500 punti) il giapponese Ruy Ueda (490), il marocchino naturalizzato spagnolo Zaid Ait Malek (460), il britannico Jonathan Albon (450) e l’italiano Daniel Antonioli (432). Quest’ultimo dopo il dritto fuori programma nella penultima tappa pirenaica che gli è costato suon di punti, correrà a Limone con il “coltello tra i denti”.

Battaglia anche nella sfida in rosa, a Sheila Avilés i 580 punti sin ora racimolati non basteranno per confermarsi sul gradino più alto del podio. Alle sue spalle seguono agguerritissime l’olandese Ragna Debats (520), la svedese Johanna Åström (508), l’italiana Elisa Desco (480) e la britannica Holly Page (408).

Iscrizioni per vertical, 10k e skyrace ancora aperte sino a giovedì sera. Limone aspetta per un evento mondiale. Maggiori info su www.limonextreme.com

Fonte Press Office Limone Extreme

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti