A Limone del Garda venerdì e domenica si assegnano i titoli del circuito Skyrunner World Series

Di GIANCARLO COSTA ,

Ionut Zinca (foto Torri)
Ionut Zinca (foto Torri)

A Limone sul Garda sale la febbre da finale nel mondo dello skyrunning che questo fine settimana vedrà sfidarsi il gotha mondiale della specialità nel Vertical Kilometer in notturna di venerdì e, domenica, sui 23.5km della SkyRace. In palio vi sono i titoli 2013 e la consapevolezza di essere il numero 1 al mondo.

Nelle gara maschile il team la Sportiva, main sponsor dell’evento schiererà le sue punte di diamante con il preciso intento di staccare il migliore piazzamento possibile. Se nella vertical di venerdì i riflettori saranno tutti per “le roi” della specialità Urban Zemmer, domenica attenzione al rumeno Ionut Zinca in forze alla Valetudo Skyrunning Italia. Uno che su questo percorso potrebbe davvero mettere alle corde il fenomeno catalano Kilian Jornet

Domenica la finale  World Series 2013 si correrà su 23.5km di vero skyrunning con un dislivello di 2000m.  Il tutto con una dura salita iniziale, un muscolare saliscendi in quota e una picchiata tecnica verso il traguardo. Come tipologia questa gara si addice alle tue caratteristiche e come pensi di interpretarla?

Zinca: E una gara che si adatta alle mie caratteristiche, una gara di circa 2 ore, ma con una salita iniziale molto difficile. Cercherò di tenere duro e dare il massimo per staccare il migliore piazzamento possibile. So che non sarà facile visto l’elevatissimo livello della concorrenza, ma bisognerà assolutamente provarci. Ho visto le foto e i video dello scorso anno. E’ giusto definire questa gara “vero skyrunning”. Infatti è molto tecnica, difficile da interpretare e chi partirà forte potrebbe anche pagare dazio sui saliscendi che precedono la picchiata verso Limone

Limone Extreme. Skyrunning vero, dunque, in una location turistica con una tre giorni dedicata agli sport outdoor che strizza l'occhio ai media. Quanto è importante tutto ciò per la crescita del movimento e per voi atleti?

Zinca: Sarà un fine settimana molto intenso per tutti. Per quanto mi riguarda, guarderò e tiferò gli altri venerdì concentrandomi solo sulla prova di domenica. Così sarà più facile per me che, quest’anno non ho fatto molti Vertical Kilometer. Per il pubblico sarà una grande opportunità di vedere molti corridori di alto livello e per noi una vetrina senza eguali. Questo tipo di corse attirano molte appassionati e solleticano l’attenzione dei media e degli sponsor. Penso che ci vorrebbero più gare o fine settimana come questo. Per noi e per il movimento sono il top. Ah, ovviamente, in futuro prometto di arrivare a fare entrambe le prove. In questo devo migliorarmi, ma quest'anno è stato duro e il mio corpo non mi permette di correre due gare in soli due giorni.

Al via del Vertical Kilometer e della SkyRace di Limone tutti i big della stagione con un super favorito d'obbligo: Kilian Jornet. Lo ritieni imbattibile o su questi tipi di gare si può ancora sperare di salire sul gradino più alto?

Zinca: Basta guardare i risultati che ha fatto quest'anno (senza togliere meriti ad altri, ma solo se guardiamo a quello che ha fatto in questa stagione), ci renderemo conto che è imbattibile! Non posso parlare per gli altri atleti, io parlo per me stesso… Cercherò di dare il 100% di quello che posso. A Stava quest'anno erano neanche due settimane che correvo e, in linea di partenza, il pensiero fisso era di fare una buona gara dando battaglia dall’inizio alla fine. La stessa cosa ho fatto al Giir di Mont e la stessa cosa farò a Limone. Ho intenzione di dare il 100% di quello che posso a questo punto della stagione. Penso che Kilian Jornet sia il favorito, ma spero che Luis Alberto verrà per dare il meglio, così gli atleti italiani che, quest'anno, hanno davvero un buon livello.

Fonte Maurizio Torri sportdimontagna.com

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti