Lhoussaine Oukhrid, tesserato FIDAL, squalificato 4 anni

Di GIANCARLO COSTA ,

Mokraji sospeso per doping (foto archivio siciliarunning)
Mokraji sospeso per doping (foto archivio siciliarunning)

La Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping, nel procedimento disciplinare a carico del sig. Lhoussaine Oukhrid (tesserato FIDAL), visti gli artt. 2.1, 4.2.1 delle NSA, gli infligge la squalifica di 4 anni, a decorrere dal 16 gennaio 2018 e con scadenza al 30 ottobre 2021, così dedotto il presofferto. Visto l’art. 10 delle NSA dispone l’invalidazione del risultato sportivo eventualmente conseguito in gara. Condanna il sig. Oukhrid al pagamento delle spese del procedimento quantificate forfettariamente in euro 378,00.

La vicenda si riferisce al precedente provvedimento del TNA, in cui sospendeva in via cautelare l’atleta Lhoussaine Oukhrid riscontrato positivo alla sostanza Eritropoietina Ricombinante - a seguito di un controllo disposto dalla Nado Italia al termine della Manifestazione “Campionato Italiano di Maratonina” svoltasi ad Agropoli il 15 ottobre 2017.

Fonte nadoitalia

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti