L'azzurro Jamel Chatbi escluso dalle Olimpiadi per mancato controllo antidoping

Di GIANCARLO COSTA ,

Jamel Chatbi campione italiano dei 3000 siepi (foto trackarena.com)
Jamel Chatbi campione italiano dei 3000 siepi (foto trackarena.com)

Evidentemente la lezione dei mancati controlli che ha coinvolto tutta l'atletica italiana in primavera non è servita a molto se a pochi giorni dall'inizio dei Giochi Olimpici di Rio, un componente della squadra azzurra viene fermato ed estromesso dalla squadra di atletica per il terzo mancato controllo antidoping della stagione. Si tratta del mezzofondista Jamel Chatbi, campione italiano in carica dei 3000 siepi, specialità in cui avrebbe corso a Rio con la maglia azzurra. L'atleta marocchino naturalizzato italiano dal 2012, con una serie di titoli italiani, dal cross alle siepi ai 10000, 3° alla maratona di Roma l'anno scorso, aveva già subito una squalifica per doping prima della finale dei mondiali di Berlino 2009, per la quale fu squalificato per 3 anni, quando ancora vestiva la divisa del Marocco. Ora l'atleta della Riccardi Milano, richia la squalifica a vita per recidività.

Di tutto aveva bisogno l'atletica italiana (lasciando perdere il caso Schwazer) tranne che di un caso del genere alle vigilia delle Olimpiadi, per altro già nell'occhio del ciclone per i casi doping che hanno estromesso la Russia e i tanti sospetti e distinguo che ci sono sui grandi protagonisti dell'atletica.

E vietare la maglia azzurra a chi è stato squalificato per doping di qualsiasi tipo?

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti