L'«aria sottile» di Livigno fa bene agli atleti

Di GIANCARLO COSTA ,

Il meglio della corsa italiana in questa foto a Livigno
Il meglio della corsa italiana in questa foto a Livigno

Livigno, capitale della preparazione atletica in altura. E' questo il prestigioso primato attribuito dagli sportivi alla perla dell'Alta Valtellina. Per cogliere i benefici reali dell'ossigenazione in quota in questi giorni si sono dati appuntamento a Livigno numerosi atleti di calibro internazionale, dagli specialisti della mountain bike ai ciclisti professionisti su strada, dai marciatori ai maratoneti.

Livigno è una meravigliosa palestra a cielo aperto, dove trovare aria pura di montagna, temperature ideali per l'attività sportiva, percorsi adatti a tutti i tipi di allenamento e naturalmente la tradizionale ospitalità della Valle della Spoel. Le stesse ragioni che anno dopo anno attirano a Livigno i più sportivi siano questi amatori, agonisti o semplici turisti dell'estate.

 Non è certo un caso se in questi giorni lungo la ciclabile o sui sentieri di mezza costa si possano incontrare gli olimpionici Stefano Baldini, oro olimpico nella madre di tutte le maratone, sedici anni dopo l'unica gioia azzurra, firmata a Seul da Gelindo Bordin, e Alex Schwarzer, altro oro olimpico, nella 50 km di marcia a Pechino, lo scorso anno. Assieme al portacolori della Corradini Calcestruzzi, è in allenamento a Livigno quasi tutta la squadra italiana di maratona, tra cui Ruggero Pertile, Giovanni Ruggero, Anna Incerti e Fatma Maraoui. Alcuni sono in preparazione per i Mondiali di Berlino, in programma dal 15 al 23 agosto, altri per la mezza maratona dei Giochi del Mediterraneo, che si svolgeranno a Pescara dal 26 giugno al 5 luglio.Mentre per il settore marcia a far compagnia ad Alex Schwarzer c'è Elisa Rigaudo, terza alle olimpiadi del 2008, entrambi nel Piccolo Tibet per preparare la "gara test" a Dublino il prossimo 28 giugno.

Tra le nazionali presenti non poteva certo mancare quella di Corsa in Montagna, con il portacolori «di casa» Marco De Gasperi, vincitore settimana scorsa della Bolognano-Monte Velo del Garda. Anche loro a Livigno per rifinire il programma d'allenamento e che li vedrà protagonisti il prossimo 12 luglio a Telfes per i campionati Europei.  

Il 2 agosto la decima edizione della Stralivigno

In questo clima "podistico" si fa sempre più viva l'attesa per la Stralivigno, la mezza maratona di 21 chilometri, giunta alla decima edizione, che prenderà il via il prossimo 2 agosto alle ore 10 da Plaza Placheda. Come per gli anni scorsi, viene confermata anche per questa edizione, la staffetta non competitiva «1 Stralivigno in 2», mentre il giorno prima l'attenzione sarà rivolta ai campioni del futuro, la Ministralivigno, gara aperta a tutti i giovani atleti dai 3 ai 17 anni, che si sfideranno su distanze variabili dai 200 metri ai 3 chilometri a seconda della categoria di appartenenza.

Per questa Stralivigno, che segna quota dieci, il Comitato Organizzatore ha deciso di invitare tutti i vincitori delle passate edizioni e con loro i pionieri che non hanno mai perso un'edizione della mezza maratona livignasca.

Per le altre informazioni, www.stralivigno.it, dove è possibile iscriversi on-line (20,00 euro entro il 30 giugno, successivamente 25,00 euro), consultare il programma in dettaglio e prendere visione dell'offerta"Run&Fitness": soggiorno di 4 giorni e 3 notti in hotel, con trattamento di bed&breakfast, più iscrizione alla Stralivigno a partire da 135,00 euro a persona.

Comunicato APT Livigno                                         

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti