A Lanzada il 16 giugno il Mondiale giovanile di Corsa in Montagna

Di GIANCARLO COSTA ,

Lanzada Mondiale giovanile di Corsa in Montagna (foto Torri) (1)
Lanzada Mondiale giovanile di Corsa in Montagna (foto Torri) (1)

Promozione sul campo per la Sportiva Lanzada del presidente Fabiano Nana che a metà giugno ospiterà il Mondiale giovanile di Corsa in Montagna. L’ultima ufficializzazione il club malenco l’ha avuta nelle scorse settimane con la visita del neo presidente della WMRA Jonathan Wyatt che ha voluto personalmente testare i tracciati che il prossimo 16 giugno assegneranno i titoli iridati agli atleti della categoria allievi.

«Gli organizzatori hanno disegnato un fantastico percorso da 4.3 km con 290 m +/- su due giri proprio sopra l’abitato di Lanzada – ha commentato -. Tutto su single track con ripide salite e discese veloci. In World Mountain Running vogliamo tornare a tracciati di vera corsa in montagna e allontanarci dal cross country. Questo progetto inizierà proprio con gli under 18, la prossima generazione del nostro sport. Il comitato organizzatore ha molta esperienza, in passato proponeva la Skyrace Valmalenco - Valposchiavo e recentemente ha ospitato i campionati italiani assoluti e juniores. Il weekend di gara includerà eventi collaterali per corridori più giovani e promette di essere un momento emozionante per atleti e pubblico».

Un riconoscimento meritato per un sodalizio che da sempre crede nel settore giovanile e per un paese dove lo sport è tenuto in seria considerazione. «Dopo la tappa di campionato italiano 2016 e il tricolore giovanile 2017 abbiamo deciso di avanzare la candidatura per le gare iridate – ha confermato il presidente della Sportiva Lanzada Fabiano Nana -. Siamo orgogliosi che la federazione italiana ci abbia supportato e daremo il massimo per regalare ad atleti e spettatori un sabato di Sport con la “S” maiuscola. La cosa bella è che oltre agli atleti nazionali, avremo modo di vedere al via, su un tracciato ad hoc, anche quelli più giovani della categoria cadetti, che si sfideranno nel Trofeo delle Regioni. Una sfida nella sfida che darà ulteriore risalto alla manifestazione».

Nel frattempo l’intero paese si è mobilitato per una kermesse sulla quale Lanzada punta molto: «Ospiteremo i migliori giovani interpreti della specialità a livello mondiale in una tre giorni che vedrà impegnata non solo la Sportiva, ma anche diverse altre associazioni del paese – ha confermato il primo cittadino Marco Negrini -. Da diverso tempo i volontari stanno cooperando in maniera sinergica perché la macchina organizzativa possa girare senza intoppi. La cosa che mi fa più piacere, oltre alla vetrina mondiale in uno sport che valorizza i sentieri e il vivere la montagna in maniera “green”, è ad esempio vedere come siano coinvolti nel progetto davvero tutti…. anche i ragazzi delle scuole. Per l’occasione, infatti, diversi studenti di Lanzada saranno al servizio delle varie nazionali e coordineranno la loro permanenza in paese. Un bel modo per coinvolgerli, responsabilizzarli e renderli parte attiva di un grande evento».

Fonte press office organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti