Nel Km Verticale di Limone del Garda a Kilian gara e titolo mondiale. La francese Dewalle prima donna e titolo alla spagnola Laura Orgue

Di GIANCARLO COSTA ,

Kilian in azione nel Km Verticale di Limone del Garda (foto Ian Corless)
Kilian in azione nel Km Verticale di Limone del Garda (foto Ian Corless)

Kilian Jornet Burgada da record, triplete per lui in questo 2014. Vincendo il Km Verticale di Limone del Garda, si aggiudica anche il titolo mondiale di Vertical, che va ad aggiungersi a quelli di Sky e Ultra FSA, per un tris storico mai riuscito a nessuno prima d'ora. Alle sue spalle si piazzano Urban Zemmer 2°, Marco Moleto 3°, il norvegese Thorbjorn Ludvigsen 4° e Nadir Maguet 5°. Nella classifica generale alle spalle di Kilian si piazzano Marco Moletto e Nadir Maguet 2° e 3° nell'ordine.

Nella gara femminile vittoria della francese Christel Dewalle, seguita dalla spagnola Luara Orgue, terza Antonella Confortola, quarta Francesca Rossi e quinta Stephanie Jimenez. Alla spagnola Laura Orgue la vittoria nella classifica generale, seguita da Antonella Confortola e Stephanie Jimenez.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti