K42 Italia: sul Terminillo successi di Bigioni e Del Grosso, nella K15 Forconi e Tempesta

Di GIANCARLO COSTA ,

Panorama K42 Italia Terminillo (foto organizzazione)
Panorama K42 Italia Terminillo (foto organizzazione)

Si è chiusa sotto il sole la terza edizione della K42 Italia, l’unica tappa italiana del circuito internazionale di maratone off-road, quest’anno anche Campionato nazionale AICS di trail running.
L’atleta di casa Giuseppe Bigioni fa segnare il record e si aggiudica la gara lunga, nella 15 km il primo al traguardo è Giacomo Forconi.
Tra le donne Veronica Del Grosso vince la 45 km davanti alla super campionessa Francesca Canepa mentre Raffaella Tempesta sale sul primo gradino del podio della distanza corta.

È un’edizione da record quella della K42 Italia che si è chiusa domenica pomeriggio sul Terminillo: pettorali esauriti con oltre 350 al via, mai così tanti, e il tempo assoluto fatto segnare dall’idolo di casa Giuseppe Bigioni che a sorpresa e davanti ai favoriti in difficoltà chiude la gara da 45 km in 5h 30 minuti e 51 secondi. Dietro di lui il siciliano Giovanni Ruocco e Federico Delle Monache. Alla sua prima partecipazione, la pluricampionessa ultra runner Francesca Canepa cede al predominio di Veronica Del Grosso prima al traguardo in 6h 54 minuti e 46 secondi. Giacomo Forconi e Raffaella Tempesta conducono la gara dall’inizio alla fine e si aggiudicano la 15 km. Ai vincitori della 45 km anche biglietto aereo e pettorale per la K42 Canarias in programma a dicembre e il titolo di Campioni Nazionali AICS di trail running.

Splende il sole sui tantissimi partecipanti alla K42 e K15 che da Pian de Valli sale sulle montagne del Terminillo. Un anello di 45 km e 3310 m D+, con partenza e arrivo a Pian de' Valli a Terminillo. Nel mezzo le difficili salite al Santuario di San Giuseppe e quella finale verso l’aerea cresta Sassetelli, con un dislivello rispettivamente di 700 e 840 metri e il giro di boa nel centro storico medievale di Leonessa, antico borgo in quota. Una gara altamente tecnica, spettacolare e difficilissima, che costringe a passaggi al limite ma regala scorci indimenticabili su uno dei palcoscenici più belli dell’Appennino e uno dei luoghi più incontaminati al mondo.

La gara da 45 km è durissima, le creste scoscese e discese ripidissime richiedono non solo grandissima concentrazione e abilità tecniche, un enorme sforzo fisico e un’ottima dose di coraggio, caratteristiche che determinano una selezione naturale tra i partecipanti. A farne le spese quest’anno sono anche i favoriti come Gargiulo (costretto al ritiro) e Cretaro (quinto al traguardo). Difficilissimo superare sui sentieri della K42 immersi nella natura selvaggia che abita il Terminillo, e così chi si è messo alla testa della gara dall’inizio ha finito per condurla fino al traguardo di Pian del Valli. Lo sa bene l’atleta di casa della S.S. Lazio Atletica Leggera Giuseppe Bigioni (vincitore della K21 nel 2019) che grazie ad uno sprint all’avvio si mette alla guida della gara, tallonato fino alla fine da Giovanni Ruocco, che non è però mai riuscito a passarlo. Dietro di loro, ad oltre mezz’ora di distacco, il reatino Federico Delle Monache. Non ha bisogno di presentazioni la top runner Francesca Canepa che, complice la sua prima assoluta alla gara e il terreno non a lei congeniale, ha dovuto arrendersi al predominio dell’atleta di Tagliacozzo Veronica Del Grosso, velocissima in vetta, che ha condotto la gara senza preoccupazioni. Al terzo posto, ad un’ora e mezza di distacco, Giovanna Polverino.

Anche la 15 km si chiude senza particolari ribaltamenti in testa. Il veterano delle Sky Race Giacomo Forconi si aggiudica la gara maschile, dietro di lui Matteo Rossi e Davide De Paulis. La vincitrice della K42 nel 2019, Raffaella Tempesta, si aggiudica quest’anno la breve distanza, lasciandosi alle spalle le inseguitrici Chiara Benedetti e Francesca Farneti.

La tappa italiana sul Terminillo ha dato il via alla stagione 2021 della K42 Series Adventure Marathon, il circuito internazionale K42 Series, che si chiuderà a novembre con l’attesa finale di Villa La Angostura, in Patagonia. Ai vincitori anche un premio speciale: biglietto aereo e pettorale per la tappa della K42 che si svolgerà a dicembre a Gran Canarias.

Quest’anno la gara è stata anche Campionato nazionale AICS di trail running assegnando ai vincitori i titoli di categoria.

Fonte FLUIDA Comunicazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Può interessarti