Jean Baptiste Simukeka e Denisa Dragomir vincono la ZacUp di Pasturo tappa di Migu Run Skyrunner World Series

Di GIANCARLO COSTA ,

Denisa Dragomir vincitrice ZacUp skyrace (foto Locatelli) (1)
Denisa Dragomir vincitrice ZacUp skyrace (foto Locatelli) (1)

A Pasturo le stelle del Team Serim sempre protagoniste sul Grignone. Jean Baptiste Simukeka e Denisa Dragomir vincono con nuovo record del percorso la 13ª tappa di Migu Run Skyrunner World Series imponendosi su un parterre di assoluto livello. 430 atleti da 21 nazioni si sono presentati ai nastri di partenza della ZacUp, per dare vita a un’edizione “mondiale”, proprio come l’avevano immaginata Gabriele e Davide…

Ora, i tempi da battere sui tecnicissimi 275km (2650 m di dislivello positivo) della sky lecchese saranno quelli del forte runner ruandese (2h49’21”) e della rumena neo campionessa europea di specialità (3h12’50”)

PRONOSTICI DIFFICILI E GARA SEMPRE INCERTA

Nella prima fase di ascesa il keniano Dennis Bosire ha provato a sgranare il gruppo di testa, presentandosi in solitaria nella torcida del Grignone. Per lui applausi a scena aperta ai 2410 m del Rifugio Brioschi. Al GPM della gara, lo inseguivano a debita distanza l’altro atleta Serim Jean Baptiste Simukeka, il “local” Daniel Antonioli e il marocchino naturalizzato spagnolo Zaid Ait Malek.

Come sempre la ZacUp si è decisa in discesa. Antonioli ha giocato le proprie carte nel tratto tecnico, inanellando sorpassi preziosi, ma sotto il Pialeral, quando le pendenze sono diventate meno importanti, i ritmi dei suoi diretti avversari si sono rivelati insostenibili. Tra due ali di folla Simukeka ha tagliato il traguardo di Pasturo con il tempo record di 2h49’21” (precedente primato Marco De Gasperi 2h50’24”). Secondo assoluto Zaid Ait Malek in (2h52’32”), mentre terzo si è piazzato l’idolo di casa Daniel Antonioli (2h53’01”). Completano la top ten di giornata Dennis Bosire, Pere Rullan, Mattia Bertoncini, Danilo Brambilla, Benat Marmissole, Sebastian Ljungdahl e Lorenzo Beltrami.

RECORD POLVERIZZATO ANCHE NELLA GARA IN ROSA

La 7ª edizione della ZacUp è stata elettrizzante anche al femminile con la ruandese Niyirora Primitive che ha dettato i tempi nella lunga ascesa sino al Grignone e nel primo tratto di tecnica discesa, qui uno scivolone le ha però impedito di proseguire la sua trionfale cavalcata sino al traguardo. Ne ha subito approfittato la compagna di scuderia nel Team Serim Denisa Dragomir. Ingaggiando un serrato testa a testa con la spagnola Sheila Avilés, la campionessa europea di specialità ha spinto a tutta sino alla fine riuscendo a vincere e polverizzare il precedente primato della gara (Elisa Desco 3h28’49”). Ora il nuovo tempo femminile da battere alla ZacUP sarà 3h12’50”. Seconda assoluta Avilés in 3h14’08”, mentre terza si è piazzata un’intramontabile Elisa Desco (3h22’46”). Molto bene anche Ingrid Mutter 4ª e Georgia Tindley 5ª.

TEAM PASTURO PROMOSSO SUL CAMPO

Tantissimo pubblico, un’organizzazione impeccabile, un paese ancora più coeso e determinato, dopo la tragica scomparsa di Gabriele e Davide, hanno contribuito al successo della 7ª edizione. Migu Run Skyrunner® World Series ha promosso a pieni voti i ragazzi di Alberto Zaccagni confermando altri due anni di mondiale all’ombra del Grignone. Per motivi logistici, vista la vicinanza con il Trofeo Kima, il prossimo anno si correrà ancora un’edizione della ZacUp. Poi, nel 2021 ad essere mondiale sarà la tanto attesa Grigne Skymarathon.

Fonte press office sportdimontagna

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti