Ivrea-Mombarone 2013 a Marco Moletto e Katarzyna Kuzminska, in 400 in gara.

Di GIANCARLO COSTA ,

Marco Moletto vincitore dell'Ivrea-Mombarone 2013 (foto pantacolor.it)
Marco Moletto vincitore dell'Ivrea-Mombarone 2013 (foto pantacolor.it)

La 37a edizione dell'Ivrea-Mombarone ha regalato ancora una volta emozioni, numeri da record e un clima di festa per nulla guastato da un tempo “infame”, visto che quello di domenica mattina è stata l'unica giornata di maltempo, con pioggia insistente e freddo in quota, della settimana. Ma nonostante tutto c'era gente a fare il tifo su tutto il percorso, anzi su quasi tutto, visto che l'unica nota dolente della giornata è stato un errore di percorso occorso ai primi due, nel punto in cui si abbandonava il vecchio percorso per proseguire sul nuovo. Cosa nota a tutti i canavesani in gara, non a Nicola Golinelli, gran favorito della corsa, che però essendo di Lecco era sicuramente per la prima volta sul Mombarone, e dopo aver sbagliato strada si è ritirato. Unica pecca di una giornata altrimenti splendida, sole a parte, organizzata dalla società Amici del Mombarone, in collaborazione con i comuni di Ivrea e Andrate e con il Soccorso Alpino.

Iscrizioni chiuse già venerdì mattina, a 400 corridori, nuovo record di partecipanti e un bel colpo d'occhio si presentava questa mattina alle ore 8,30 in piazza Ottinetti, momento della partenza. Dopo il via si scatenava la solita bagarre, ognuno con i propri obbiettivi. Chi è arrivato a Ivrea per vincere e magari fare il record, chi per rinnovare la sfida alla montagna, partendo dal centro della città (Ivrea quota 220 metri) fino alla punta della montagna (Colma di Mombarone quota 2371 metri) 20 km di sviluppo per 2100 metri di dislivello, chi per migliorare il proprio tempo e chi per la prima volta vuole mettere alla prova se stesso sui sentieri che da Ivrea, Bienca, Andrate e San Giacomo portano alla vetta.

Nella gara femminile prende subito la testa Katarzyna Kuzminska, tallonata da Marcella Belletti e Barbara Cravello, un film già visto nel mese di giugno alla Biella Monte Camino, gara simile, quasi gemella di quella odierna eporediese.

Nella gara maschile, la presenza di Nicola Golinelli era attesa con curiosità, visto il palmares e soprattutto la condizione di forma attuale dello skyrunner lecchese, che 3 settimane fa' aveva addirittura impegnato Kilian nella gara di Coppa del Mondo di Zermatt e solo 7 giorni fa' aveva vinto con record la Skyrace della Rosetta di Rasura. Peccato che mentre era in testa, tallonato dal vincitore del 2012 Marco Moletto a 30 secondi, compiva un errore di percorso, seguendo le frecce del vecchio percorso nella zona Pinalba, non cancellate o fettucciate. Una disattenzione dell'organizzazione, che però provocava a Golinelli rabbia e sconforto che sfogava ritirandosi dalla competizione. Chi non si perdeva d'animo era Marco Moletto, che giunto in località Valneira (quota 1760 metri) e resosi conto dell'errore, continua ritornando sul percorso attuale e scoprendo che comunque era ancora in testa. Da qui in poi attaccava spingendo a tavoletta e chiudeva vincitore in 2h01'49”, che se da un lato lasciava spazio a polemiche sull'errore del percorso, subito smorzate da Nadir Maguet ed Enzo Mersi che accettavano senza polemiche la vittoria dell'atleta del Dragonero allenato da Mauro Riba. Alle sue spalle il giovane talento della corsa in montagna valdostana Nadir Maguet (e soprattutto vincitore della Coppa del mondo di scilpinismo under 23) 2° in 2h06'44” e 3° Enzo Mersi, vincitore di due edizioni e sempre sul podio negli ultimi anni, in 2h07'11”. Completano la top ten Silvio Balzaretti 4° in 2h11'03”, Juan David Orozco Sanchez 5° in 2h11'04”, Daniele Fornoni 6° in 2h12'30”, Erik Benedetto 7° in 2h16'48”, Luca Gronchi 8° in 2h17'45”, Luca Cobetto 9° in 2h20'56” e Klaus Mariotti 10° in 2h22'11”.

Nella gara femminile vittoria di Katarzyna Kuzminska dell'Atletica Balangero in 2h28'34”, un ottimo tempo visto le condizioni climatiche, seconda Marcella Belletti in 2h31'54”, terza Barbara Cravello in 2h37'26”, quarta Ornella Bosco in 2h37'28” e quinta Cristina Dosio in 2h40'30”.

In allegato le foto e la classifica della gara.

Foto della gara anche su Pantacolor.it scaricabili gratuitamente

Altre fotogallery su runningpassion

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti