Italia d’argento ai Campionati del Mondo di Skyrunning

Di GIANCARLO COSTA ,

Italia seconda ai Mondiali Skyrunning (foto Meraldi)
Italia seconda ai Mondiali Skyrunning (foto Meraldi)

L’Italia si colora di argento anche per quanto riguarda lo skyrunning. Quasi 200 atleti provenienti da 21 Paesi si sono sfidati per conquistare i titoli iridati ai Campionati del Mondo di Skyrunning. Bella prestazione degli azzurri che dimostrano di essere una grande squadra.

Nel fine settimana appena trascorso la nazionale italiana di Skyrunning è volata in Spagna, nei Pirenei, per prendere parte alla sesta edizione dei Campionati del Mondo 2020 (rinviati al 2021), quest’anno inseriti nel contesto del Buff Mountain Festival che si è svolto tra il 9 e l’11 luglio in Vall de Boí, già sede dei Campionati del Mondo 2016.

Poco meno di 200 atleti si sono dati battaglia per conquistare i titoli mondiali individuali e a squadre, oltre al titolo di Combinata basato sui migliori risultati ottenuti nelle gare Vertical e Sky.

VERTICAL, SKY e SKYULTRA sono le tre discipline su cui gli atleti si sono confrontati.

Le gare hanno preso il via venerdì 9 luglio con il Buff Epic Trail VK, un Vertical Kilometer di 2,8 km che ha scaldato fin da subito l’atmosfera. “Già in questa occasione la nazionale ha dato prova di essere una grande squadra” – ha commentato il CT Roberto Mattioli. Il miglior piazzamento è andato a Manuel Da Col (quarto posto), a seguire Andrea Marinucci (12simo), Luca Compagnoni, Luca Del Pero e Lorenzo Rota Martir (rispettivamente 14simo, 15simo e 16simo). In campo femminile Elena Nicolini si è aggiudicata un ottavo posto.

Il giorno seguente è stata la volta della SKYULTRA Buff Epic Trail 68K. Splendida prestazione di Giuditta Turini, che è riuscita a salire sul terzo gradino del podio. Franco Collè ha invece sfiorato il bronzo, dovendosi “accontentare” di una quarta piazza. Sempre in campo femminile il sesto posto è andato a Chiara Giovando. Oltre e Collè, miglior risultato al maschile, si annovera il 6° posto di Luca Arrigoni, Luca Carrara al dodicesimo e Donatello Rota al quindicesimo.

Domenica 11 luglio, terza e ultima giornata di gare, gli azzurri hanno preso parte alla combattuta marathon del Buff Epic Trail 42K. E le sorprese non sono mancate, perchè ben 5 italiani si sono aggiudicati un posto nella top 20 (4 addirittura nei primi 12). La rivelazione di questa giornata è stato l’under 23 Mattia Tanara che si è meritato un 5° posto assoluto, con una prestazione super che ha lasciato tutti a bocca aperta. Alle sue spalle Daniel Antonioli (7°), Daniele Cappelletti (11°), Danilo Brambilla (12°) e Eddj Nani (20°). Tra le donne, l’azzurra Francesca Rusconi si è piazzata in dodicesima posizione.

Ma le sorprese non sono finite. Al termine delle gare è stata anche stilata la classifica finale per nazioni, che tiene conto dei quattro migliori punteggi per ogni disciplina (di cui almeno uno per genere opposto). Il punteggio più alto è stato ottenuto dalla Spagna. L’Italia si è posizionata alle sue spalle, conquistandosi quindi l’argento e piazzandosi davanti alla Repubblica Ceca, terza classificata.

Di Tatiana Bertera - FISky

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Può interessarti