Ioan Maxim e l’australiana Fowler trionfano al MonteRosa Walser Trail. La 20 km ai valdostani Dennis Brunod e Jessica Gerard

Di GIANCARLO COSTA ,

Ioan Maxim vincitore Monterosa Walser trail 50 km (foto acmediapress)
Ioan Maxim vincitore Monterosa Walser trail 50 km (foto acmediapress)

Pioggia, nubi basse e temperatura inferiore ai 10 gradi, ma la terza edizione del MonteRosa Walser Trail è stata comunque un successo. Poco meno di 600 concorrenti si sono presentati questa mattina a Gressoney-St-Jean, sede di partenza e arrivo della gara promossa dall’Associazione Forte di Bard. Nella 50 km, scattata alle 6 sotto la pioggia, sono partiti 164 trailers, mentre alle 11 hanno iniziato il loro viaggio i concorrenti del Trail 20 km, dell’Eco Trail (stesso percorso) e i diversamente abili che hanno percorso poco più di 4km insieme alla squadra nazionale Juniores di sci di fondo.

Nella 50 km il successo finale è andato ancora una volta a Maxim Ioan. Il piemontese, di origini rumene, ha vinto dopo 6h29’59” di gara, battendo il valdostano del Team Baroli Forte di Bard Bruno Brunod che ha rimontato nel tratto conclusivo andando a chiudere in 6h33’57” e conquistando un ottimo secondo posto. Terza posizione per l’altro valdostano Henri Grosjacques (6h 37’41”), in testa per quasi metà gara. La prova maschile è stata molto combattuta con i primi tre della classifica, Fabrizio Roux e Oscar Perez Lopez sempre molto ravvicinati. Poi Maxim Ioan ha forzato l’andatura andando a prendersi prima la testa della corsa e poi il successo finale. Vittoria straniera al femminile. A imporsi è stata l’australiana Gill Fowler dopo 7h24’51” di gara, davanti a Marina Plavan (8h11’51”) e ad Alessia Maria Filippa (Technos Medica), in 8h19’52”.

Nella 20 km ha dominato ancora una volta Dennis Brunod. Il valdostano ha fatto gara a sé e dopo due vittorie nel percorso lungo, oggi, ha vinto la prova più corta con il crono di 1h25’33”, nuovo record del tracciato. Secondo posto per Christian Joux (1h32’21”), con terzo gradino del podio per Jacopo Mantovani (1h32’42”). Grande bagarre nella prova femminile. La valdostana Jessica Gerard ha vinto in 1h55’19” con soli 10” su Roberta Scocco. Terza posizione per la leader del Tour Trail della Valle d’Aosta Marlene Jocallaz (1h 57’35”).

Dopo la fatica all’interno della Sport Haus è iniziata la festa con dj set, open beer e buffet per tutti. Un bel modo per condividere con gli altri trailers gli sforzi della giornata. Il MonteRosa Walser Trail è stata la quarta prova del circuito Tour Trail Valle d’Aosta. La prossima settimana, sabato 8, si andrà a Courmayeur con la prima edizione della Courmayeur Mont Blanc SkyRace.

L’Eco Trail è andato a Michele Peccoz (1h 39’10”) e a Mara Toffanin (2h 27’05”), mentre la 4,5 km per i diversamente abili è stata vinta da Mirko Pascale (45’02”) e Sandra Fosson (1h 12’25”).

Dennis Brunod: «Sono partito forte con l’intento di acquisire subito un buon margine - dice il vincitore della 20 km - anche perché in discesa può succedere di tutto. Mi piacciono questi percorsi veloci. È stata una bella gara che ha riscosso un buon successo di partecipanti».

Maxim Ioan: «Sono partito molto tranquillo e ho voluto divertirmi - dice il dominatore della 50 km -. È stato un bel viaggio, all’inizio ero un po’ freddo, poi piano piano ho recuperato tutti».

Oscar Perez: «È andata bene nonostante la pioggia - dice lo spagnolo - Sono molto contento, peccato che il Monte Rosa era coperto dalle nuvole. È ma è comunque stata una gara bellissima. In discesa non ho voluto rischiare più di tanto».

A margine della premiazione il consigliere delegato del Forte di Bard, Gabriele Accornero, ha presentato la novità principale della prossima edizione: un nuovo tracciato da 100 km.

Informazioni: www.tourtrailvda.com

Fonte acmediapress

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti