Intervista con MARCO OLMO

Di GIANCARLO COSTA ,

Runningpassion intervista Marco Olmo.
Runningpassion intervista Marco Olmo.

Alla "Via dei Lupi" ho avvicinato il capo branco di quelli che corrono i Trail, anzi il mito del Trail Running: Marco Olmo.

Uno spot sulla longevità atletica dell'uomo, diventato famoso per aver vinto le ultime due edizioni dell'Ultra Trail Mont Blanc a 58 e 59 anni. Prima era comunque molto conosciuto in Piemonte, tra le gare di scialpinismo e corsa in montagna (i mie ricordi personali risalgono alle edizioni degli anni 90 dell'Ivrea-Mombarone), poi in Italia per via dei suoi risultati alla Marathon de Sables, la gara a tappe nel deserto africano.

Come un montanaro fiero e schivo di Robilante in Val Vermegnana, provincia di Cuneo, sia riuscito a diventare un mito nel mondo della corsa all'età in cui altri vanno a fare i pensionati, magari in riva al mare, è un mistero, soprattutto per lui. Seguendo la sua indole di corridore sui sentieri di montagna è salito sull'Olimpo dello sport. Avendolo visto all'opera nello scorso weekend, dopo anni, per struttura secondo me è un grande atleta, che ha preso consapevolezza tardi del suo potenziale, ma che la sorte ha deciso di regalargli negli ultimi dieci anni, una serie di gare tagliate su misura per la sua tempra atletica e mentale, gare dove la scrematura avviene dopo 5 o 6 ore e, come dice lui stesso, gare per muli.

E' sicuramente un uomo che ha una storia da raccontare.

Runningpassion: Iniziamo con una domanda fuori dagli schemi; quanto conta tua moglie nei risultati fatti in questi anni?
Marco Olmo: Oggi è stata solo di supporto perché non si poteva fare assistenza. Nelle gare lunghe è di grande aiuto, perché mi fa da supporto morale, mi dice il piazzamento, i riferimenti cronometrici, mi passa le barrette e le cose giuste. Non più di tanto perché a volte incoraggiarti troppo può essere nocivo per la gara. Mi conosce bene e quando mi vede sa rendersi conto in che stato sono rispetto ai miei avversari, mi è di grande aiuto.

Runningpassion: Oggi ti ho visto all'opera in gara, parti tranquillo, per aumentare progressivamente. Ho visto che in salita tendi a camminare in un modo innovativo tenendo le braccia dietro la schiena. Gare come questa "Via dei Lupi" per te sono persino troppo corte, ormai.
Marco Olmo: Diventando vecchi si diventa più lenti, forse si migliora un po' in resistenza. Il mio modo di correre è questo, non posso andare più forte perché non ce la farei, se vengo fuori lo faccio alla distanza. Ho solo questa dote, ormai di velocità ne ho pochissima, che spero mi accompagni almeno fino alla gara del Monte Bianco.

Runningpassion: Sono ormai 10 anni che frequenti questo tipo di gare, gli Ultra Trail. Una volte queste gare esistevano solo in Francia, ora ci sono ovunque in Italia, anche per necessità di smarcarsi dalla corsa in montagna classica e dallo skyrunning. Sarà la specialità del futuro?
Marco Olmo: Penso di si, perché è una corsa un po' per tutti. Non bisogna solo guardare a chi vince o arriva nelle prime posizioni. Bisogna imparare dai francesi, che le fanno un po' all'avventura, senza preparazione e senza guardare troppo all'orologio, come siamo fissati noi italiani. Se si pensasse solo ai primi, anche qui alla "Via dei Lupi" saremmo stati solo in 4-5 a partire anziché in 150. E' una mentalità che deve cambiare, bisogna pensare di più a queste gare come a delle passeggiate, con l'assistenza, i rifornimenti, la sicurezza, magari impiegando il doppio del tempo dei vincitori, perchè altrimenti non si potrebbero fare.

Runningpassion: Qualcuno afferma che sei un fenomeno da studiare, per questa capacità che hai di passare dalle corse nel deserto africano (Marathon de Sables), a quelle sulle montagne (Ultra Trail Mont Blanc), con dislivelli e sviluppi notevoli. Questa tua capacità dipende da madre natura o da cos'altro?
Marco Olmo: Diciamo che sulle corse da muli mi difendo bene, dove ci sono i cavalli da corsa no.

Runningpassion: Che effetto ti fa' essere diventato il simbolo del mondo trail a sessant'anni, anzi di essere uno dei corridori italiani più popolari in Italia e non solo?
Marco Olmo: Per me è un po' difficile da credere, comunque meglio tardi che mai. Io sono uno che ha iniziato con la corsa del paese, arrivando quasi ultimo. Quindi stento credere quando mi vedo ai primi posti nelle corse internazionali, quando la gente mi chiede gli autografi o vuole fare le foto con me. Il mio inconscio fatica un po' ad accettarlo.

Runningoassion: Ho visto il risultato del Trail Cromagnon di 2 domeniche fa. Sei arrivato quarto con la vittoria di Dawa Sherpa e un notevole distacco cronometrico. Hai qualcosa d'aggiungere al riguardo?
Marco Olmo: Lì ci sono stati un po' di problemi con gli organizzatori, lui ha fatto un altro vallone, non tracciato. Alla Marathon de Sables se salti un rifornimento ti danno un'ora di penalità, non perché hai tagliato, ma per tua sicurezza, perché se ti fai male in un posto non coperto dall'organizzazione sono problemi a rintracciarti. E un corridore dell'esperienza di Dawa Sherpa in testa alla corsa, dopo 5 minuti che non vedeva più bandierine doveva tornare indietro. Così ha guadagnato tempo e si è affaticato di meno. E' un corridore più veloce di me e avrebbe vinto lo stesso, però mi spiace per lui, perché ha vinto in un modo che io non avrei mai accettato. Alla premiazione ho avuto più applausi io che ero quarto che lui che ha vinto.

Runningpassion: Il prossimo grande appuntamento sarà il Giro del Monte Bianco (Ultra Trail Mont Blanc). L'anno scorso sono arrivati gli americani con la fanfara e sono andati via suonati come dei tamburi. Quest'anno si parla di avere in partenza Kilian Jornet, il giovane asso dello scialpinismo e dello skyrunning, anche se bisogna vedere se sarà in grado di reggere una gara di 20 ore. Tu come la vedi?
Marco Olmo: L'Ultra Trail Mont Blanc è come un campionato del mondo della specialità, è la gara che mi ha reso famoso. Io spero che questa gente importante venga per vincere la gara e non per battere un sessantenne come me. Anche perché per far meglio di me dovrebbero vincerla con 60 anni e ci metto la mano sul fuoco che nessuno ci riuscirà.

Runningpassion: Qual è il consiglio che puoi dare a chi ci legge sul modo di affrontare la corsa? Ho letto un'intervista in cui ti chiedevano le tabelle d'allenamento e tu hai detto semplicemente: corri!
Marco Olmo: Dipende, se uno deve correre una maratona in 2h10', ripetute, tabelle, programmazione sono fondamentali. Per chi è appassionato e vuole finirla in 3 ore, non penso che debba stressarsi molto con tabelle d'allenamento particolari. La corsa dev'essere un piacere, a partire dall'allenamento. Stressarsi per vincere un'Olimpiade o New York lo capisco, stressarsi per fare 3 ore in maratona non ne vale la pena.

Runningpassion: Quindi l'importante è divertirsi a correre, altrimenti è meglio fare altro.
Marco Olmo: La corsa ti deve rilassare, non stressare. Al massimo un po' di tensione serve per la gara. Io purtroppo ultimamente sono un po' stressato dagli impegni collaterali, perché stiamo scrivendo un libro su di me, poi 2 ragazzi mi stanno seguendo con la telecamera per fare un documentario per la Regione Piemonte. Oltre a correre ho anche questo peso, ma spero che non mi disturbi dai risultati.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti