Le immagini del passaggio del Tor des Geants da Sassa, in testa sempre Patrick Bohard e Denise Zimmermann

Di GIANCARLO COSTA ,

Chiara Tallia al passaggio di Sassa al Tor des Geants
Chiara Tallia al passaggio di Sassa al Tor des Geants

Il Tor des Geant è un viaggio che permette di scoprire gli angoli più nascosti della Valle d'Aosta, la piccola regione delle grandi montagne, non solo agli stranieri e agli italiani, ma agli stessi valdostani. La terribile salita di 2000 metri di dislivello che da Donnas porta i concorrenti al rifugio Coda nella valle del Lys, passa per il punto di controllo di Sassa, all'Etoile du Berger a quota 1400 metri, un incantevole posto tappa con qualche baita in una zona quasi di confine con il Piemonte, che serve per rifornirsi, riposarsi, per guardarsi anche intorno visto lo splendido panorama sulla bassa Valle d'Aosta. Superato il giro di boa di Donnas, questa salita e il successivo traverso verso Niel e poi Gressoney, è da tutti considerato come un punto nevralgico del Tor, ma soprattutto come un ambiente incantevole e ospitale, conosciuto da pochi e valorizzato dal passaggio di questa grande avventura che è il Tor des Geants, dove la vera meta è il “viaggio”.

Un viaggio che come ieri vede sempre in testa il francese Patrick Bohard, che uscito da Valtournenche alle 12:24 sta correndo verso Cuney nella valle di Saint Barthlemy, con un vantaggio di 2 ore sul connazionale Christophe Le Saux, mentre al terzo posto colpo di scena con il ritiro dell'irlandese Dan Doherty nella zona del rifugio Barmasse per problemi a un ginocchio. Al 3° posto sale Gianluca Galeati a 3 ore dal primo, quindi ancora potenzialmente in lotta per la vittoria finale, a 5 ore dal primo seguono il giapponese Masahiro Ono 4° e gli spagnoli Oscar Perez 5° (in forte rimonta come al solito) e Pablo Criado Toca 6°. Questi atleti sono al momento i soli ad aver lasciato la base vita di Valtournenche.

Nella gara femminile sempre in testa la svizzera Denise Zimmermann, reduce dal terzo posto dell'UTMB, uscita da Saint Jacques, che precede di quasi 2 ore Lisa Borzani 2a, mentre Marina Plavan è ora 3a a 5 ore dalla Borzani, Marta Poretti è 4a e la francese Maria Semerjian 5a a mezz'ora dalla Plavan.

Guarda il video della seconda giornata di gara

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti