I risultati della Corsa della Bora 2020

Di GIANCARLO COSTA ,

Corsa della Bora volantino
Corsa della Bora volantino

La S1 Corsa della Bora, targata Asd SentieroUno, è stata una vera e propria festa internazionale del trailrunning. In questa prima domenica del nuovo anno, baciata dal sole, oltre 2112 atleti si sono sfidati tra le insidie e le bellezze del Carso triestino e sloveno.

Nell'S1Ipertrail di 173 km con Gps, si è imposto l'altoatesino Peter Kienzl, già vincitore della 1ª Edizione dell'Ipertrail nel 2017, che ha domato fatica e difficoltà del tracciato con il crono di 25h20'48”.

Tra i macinatori di chilometri dell'S1Ultra di 164 km, al maschile si è assistito ad una scena che riassume alla perfezione quale sia lo spirito che anima gli ultrarunner. Infatti lo sloveno Saso Struc e l'inglese Mattia Bernardi dopo aver corso appaiati tutta la gara, hanno deciso di tagliare il traguardo assieme con lo stesso tempo di hanno tagliato di 25h56'56” lo sloveno Saso Struc e l'inglese Mattia Bernardi. Nella gara in rosa la veneta Alessandra Olivi ha concesso il bis dopo il successo della scorsa stagione, sbaragliando la concorrenza con il tempo di 29h45'53”.

Sul tracciato lungo 57 km dell'S1Trail, è salito sul gradino più alto del podio lo slovacco Martin Halasz (5h08'35”) che, nelle battute finale della prova, ha stroncato la resistenze di un coriaceo Luca Carrara. Al femminile non c'è stata storia con l'italian Julia Kessler (5h57'56”) dimostratasi di una spanna superiore rispetto alle avversarie.

Nella S1Half di 21 km sono saliti sul gradino più alto del podio due dei talenti più puri del trailrunning italiano, ovvero Stefano Rinaldi (1h38'58”) e Giulia Vinco (2h01'32”). Il primo ha costruito il gap decisivo nei confronti dei contendenti diretti per il successo finale a 6 km dalla conclusione con un progressione su una discesa tecnica, mentre dal canto suo la Vinco dopo 5 km dalla partenza ha staccato la concorrenza involandosi solitaria verso la linea d'arrivo.

Infine, alla S1Sprint di 16 km (competizione non competitiva ma di cui è stata redatta una classifica) hanno tagliato per primi il traguardo Riccardo Borgialli (59'29”) e la russa Maria Kochetkova (1h27'04”).

Ma anche quest'anno la S1Corsa della Bora, attraverso le sue proficue collaborazioni, si è dimostrata un evento a 360°, capace di dare dei messaggi forti all'intera società civile. Il progetto “Iperatleti”, ideato dall'Asd SentieroUno assieme all'Asd SportXall e con il sostegno del Comune di Gorizia e del fondo etico Consultinvest, ha dimostrato che certe barriere soprattutto mentali si possono abbattere. Al massacrante Ipertrail di 173 km, 5 atleti normodotati sono stati monitorati via Gps e sostenuti materialmente e emotivamente alle “basi vita”, da altrettanti sportivi diversamente abili, capaci di svolgere un ruolo fondamentale per permettere al proprio compagno d'avventura di giungere al traguardo incolume. « Non c'è molto da dire. I nostri Iperatleti sono stati semplicemente fantastici, mettendoci anima e corpo in questa sfida e lasciandoci a noi che gli eravamo vicini delle immagini toccanti di grande umanità», le parole del presidente dell'associazione SportXall Donatella Manià.«Tra me e l'ultrarunner Dario (Pedretti) durante questa avventura durata più di 30 ore si creata un'empatia incredibile, a dimostrazione che anime sportive provenienti da diversi mondi e storie personali possono incontrarsi e raggiungere mete incredibile», si è espresso così il ventenne l'atleta ipovedente Roberto Sartori, uno dei protagonisti di questa rivoluzionaria iniziativa.

Fonte Asd SentieroUno

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti