I risultati della Brescia Art Marathon

Di GIANCARLO COSTA ,

Sara Dossena vincitrice della mezza maratona di Brescia (foto organizzazione)
Sara Dossena vincitrice della mezza maratona di Brescia (foto organizzazione)

Prosegue il cammino di ripresa agonistica per Sara Dossena. Alla Bossoni Brescia Art Marathon l’azzurra ha corso la mezza maratona completando i 21,097 chilometri con il tempo di 1h16’03”, in un nuovo test di preparazione a una settimana dall’esordio stagionale dello scorso weekend sui 10 km di Paratico. “È stata la mia prima mezza maratona dopo l’operazione al piede, ho ripreso a correre da soli due mesi e non nego che questo sia un rientro difficile per me, soprattutto dopo il mio ultimo infortunio”, racconta la 36enne bergamasca della 101 Running, terza italiana di sempre in maratona con le 2h24:00 di Nagoya nel 2019 e argento a squadre agli Europei di Berlino 2018. “So bene che la strada è in salita, il crono di oggi è certamente da migliorare, però guardo avanti. A Tokyo manca sempre meno, ma tempo per lavorare ce n’è ancora e sarò in gara il 13 giugno alla Giulietta&Romeo Half Marathon di Verona”.

In una mattinata con cielo coperto e temperature accettabili, i runner sono tornati a godersi traguardi “reali” e in sicurezza, nel rispetto dei protocolli federali, correndo una delle prime grandi maratone italiane dopo il lungo stop dovuto alla pandemia. Il tunisino Atef Saad ha conquistato la gara maschile in 2h13:35 migliorando il record personale, con un passaggio alla mezza di 1h06:06, e punta alla sua seconda maratona olimpica: in carriera ha già partecipato ai Giochi di Rio. Al femminile la lombarda Cristina Gogna (Atl. Verbano), atleta sorda, si è imposta in 3h00:24 e punta ai Mondiali di categoria del 26 settembre a Varsavia. Sul secondo gradino del podio sono saliti Luca Parisi (2h22:15) ed Eva Liz Mognon (Vicenza Marathon, 3h12:13), pasticcera di professione e runner per passione, che percorre 130 km a settimana di allenamento. Hanno chiuso in terza posizione il franciacortino Marco Ferrari (Atl. Paratico, 2h28:49), che torna sul podio dopo la medaglia di “legno” dell’edizione 2019, e Annalisa Campagna (Alzaia Naviglio Runners, 3h18:29) nell’evento organizzato dal Rosa Running Team.

Nella mezza maratona, alle spalle dell’azzurra Dossena sono arrivate Giulia Sommi (Cus Pro Patria Milano) con il personale di 1h18:27 e la peruviana Luz Nadine De La Cruz Aguirre (Gs Il Fiorino, 1h22:02). In campo maschile lo slovacco Marek Hladik, con un crono di 1h09:07, ha preceduto Marco Losio (Atl. Rodengo Saiano Mico, 1h11:17) e Alessandro Paura (Gs Avis Treviglio Brusaferri, 1h11:47). Hanno festeggiato il successo nella Fast Run di 10 chilometri Mara Ghidini (Atl. Brescia 1950 Metallurgica San Marco, 35:38) e Antonino Lollo (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter, 30:37): siciliano, ex ciclista dilettante, ora vive a Bergamo e nelle ultime stagioni si è tolto diverse soddisfazioni podistiche, a cominciare dalla vittoria nella maratona di Pisa di quattro anni fa, all’esordio sulla distanza.

Fonte Fidal

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti