Golden Trail Series: ultimo atto in Sud Africa

Di GIANCARLO COSTA ,

Kilian Jornet protagonista del Golden Trail Series (foto Salomon)
Kilian Jornet protagonista del Golden Trail Series (foto Salomon)

Direzione Sud Africa per i 20 atleti top del trail running internazionale per il gran finale di questo prestigioso circuito di gare. Kilian Jornet e Ruth Croft, dopo una lunga stagione, si presentano a Otter Trail in Sud Africa sabato 20 ottobre, quali migliori atleti del mondo e candidati al successo finale.

Nel 2018 la Golden Trail Series ha incluso
- Zegama Mountain Marathon in Spagna nei Paesi Baschi,
- la Marathon du Mont Blanc a Chamonix,
- Sierre-Zinal in Svizzera,
- Pikes Peak in Colorado e
- il Ring of Steall nelle Highlands scozzesi.
Ora, la grande finale arriva sulle coste del Sud Africa, dove un montepremi di 100.000 Euro sarà diviso in parti uguali tra i primi 10, uomini e donne.

I primi 10 uomini e donne che si sono qualificati per il Gran Finale in Sud Africa sono:

Uomini
Lo spagnolo Kilian Jornet (Team Salomon), il norvegese Stian Angermund-Vik
(Team Salomon), lo svizzero Marc Lauenstein (Team Salomon), lo spagnolo Aritz
Egea (Team Salomon), lo spagnolo Oriol Cardona (Team Dynafit), lo svizzero Stephan
Wenk (Team Scott), il francese Alexis Sevennec (Team Scott), lo statunitense Sage
Canaday (Team Hoka), il francese Thibaut Baronian (Team Salomon) e il polacco Bartlomiej Przedwojewski (Team Salomon).

Donne
La neozelandese Ruth Croft ( T e a m S c o t t ) , la svedese Ida Nilsson (Team Salomon), la spagnola Laura Orgué* (Team Salomon), la statunitense Megan Kimmel
(Team Salomon), la spagnola Eli Gordon (Team Salomon), l’inglese Holly Page (Team Salomon), la spagnola Sheila Aviles Castano (Team Buff), l'italiana Silvia Rampazzo
(Team Tornado), la svedese Fanny Borgstrom (Team Salomon), la sudafricana Meg
Mackenzie (Team Salomon) e la francese Céline Lafaye (Team Merrell).
(*) si è qualificata al terzo posto, ma non correrà nel Gran Finale a causa di un infortunio.
La francese Céline Lafaye (Team Merrell) prenderà il suo posto.

Ogni anno l’Otter African Trail Run si svolge in una direzione differente, alternata di anno in anno.
Insomma, è lo stesso percorso, ma con diverse salite da conquistare e nuovi spettacolari
panorami. Nel 2018 il tutto si svolgerà da ovest a est, partendo da Nature's Valley e terminando a Storm's River Mouth Rest Camp.
Solo un numero limitato di partecipanti ha il privilegio di correre su questo “veterano” sentiero dell'Africa, che traccia il litorale del Parco Nazionale Tsitsikamma da un capo all'altro. Questo percorso, che normalmente si porta a termine in cinque giorni, è riservato comunemente agli escursionisti ed è vietato assolutamente gareggiarvi al di fuori di questo Evento. L’Otter Trail è unico. Vanta diversi tipi di terreno e ostacoli, praticamente infiniti, che mettono alla prova anche i runner più abili. Ci sono ben 11 salite e discese significative, 2600 metri di dislivello, compresi circa 7000 gradini e quattro traversate fluviali, tra cui il famigerato fiume Bloukrans, che si attraversa a nuoto.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti