GoInUp: Emanuele Manzi e Arianna Oregioni vincono la finale, Mattia Curtoni e Federica Morosini si aggiudicano il circuito

Di GIANCARLO COSTA ,

Emanuele Manzi vince a ArzUp (foto Ganassa Vaninetti)
Emanuele Manzi vince a ArzUp (foto Ganassa Vaninetti)

La ArzUp si è confermata gara che piace, a dirlo sono i numeri: 332 partecipanti. Come solito, insieme ai numerosi atleti e appassionati di corsa in montagna, tanti neofiti hanno provato l’ebbrezza di indossare il pettorale e fare il doppio nodo alle scarpette. L’evento organizzato dal Team Valtellina, ha avuto come partenza la centralissima Via Garibaldi a Morbegno. La gara passava sugli storici sentieri del Trofeo Vanoni, prima lungo la Via Priula e successivamente dai Bellini, risalendo in senso contrario della discesa del “mondiale delle foglie morte”. Partenza subito veloce tra le vie della citta del Bitto, con l’azzurro di corsa in montagna Emanuele Manzi che provava subito a fare l’andatura. Alle sue spalle però si attaccavano un quintetto, con Lorenzo Beltrami, Mattia Curtoni, Mirko Bertolini, Del Pero Luca e Daniele Corazza.

Manzi, reduce dalle fatiche organizzative del Valtellina Wine Trail, in località Tempietto iniziava a guadagnare metri sui diretti avversari. L’ultimo a mollare il giovane azzurro di skialp Daniele Corazza. Sulla finish line posta in località Arzo, il portacolori dell’Us Malonno ha vinto come da pronostico con crono di 17’00”. Seconda posizione per Daniele Corazza in 17’21”, seguito dall’atleta del Team Oliveto Luca Del Pero in 17’31”.

E’ stata volata per la quarta piazza, dove a spuntarla ci ha pensato uno scalatore di razza come Mattia Curtoni del Ca Lizzoli sul piccolo, ma tenace Mirko Bertolini dell’Ardenno Sportiva. Completano la top ten di serata Giovanni Tacchini (Team Valtellina), Matteo Corazza (Gs Valgerola), Lorenzo Beltrami (AS Falchi), Marco Gusmeroli (Sc Valtartano) e Filippo Curtoni (Ca Lizzoli).

Al femminile protagonista di serata è stata la portacolori del Gp Santi Arianna Oregioni che si è imposta con il crono di 22’43”. Alle sue spalle è stata bagarre per aggiudicarsi i due gradini del podio, con Federica Morosini che guadagna la seconda piazza in 23’40”, mentre terza piazza per Lara Rizzi in 24’12”.

Quarta posizione finale per Armenia Eleonora con il crono di 24’24”, seguita in quinta posizione da Claudia Ciapponi in 25’12”.Per quanto riguarda Il circuito GoInUp, al netto di tutte le prove disputate ad aggiudicarsi l’edizione 2018 era il forte atleta di Gerola, accasato al Cà Lizzoli, Mattia Curtoni. Mentre al femminile ad aggiudicarsi lo scettro la giovane atleta di Cosio Valtellino, alla sua prima stagione di competizioni, Federica Morosini.

Se la fase delle competizioni si è conclusa all’ArzUp, 10ª tappa di una lunga stagione di corse in verticale, il circuito 2018, il fortunato circuito della “bassa” avrà come epilogo la premiazione e festa finale, con la serata di beneficenza in programma venerdì 23 novembre presso il polifunzionale di Rasura. Per poter partecipare è obbligatorio prenotarsi online sul sito www.kronoman.net oppure scrivendo una mail a info@goinupvertical.it

Fonte press office GoInUp

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti