Giro Podistico Internazionale di Castelbuono: vittoria dell’etiope Tadese sul norvegese Moen, settimo Daniele Meucci

Di GIANCARLO COSTA ,

Arrivo Giro Podistico di Castelbuono (foto organizzazione)
Arrivo Giro Podistico di Castelbuono (foto organizzazione)

Nella classica gara su strada siciliana, l’etiope Tadese Worku si impone in volata davanti al norvegese Moen. Test per l’azzurro Daniele Meucci a un paio di mesi dalla maratona dei Mondiali.

Arrivo allo sprint nel 94esimo Giro Podistico Internazionale di Castelbuono. La tradizionale corsa su strada della cittadina palermitana, per la terza volta, va a un atleta dell’Etiopia con la vittoria dell’etiope Tadese Worku, vicecampione mondiale under 20 di cross, che precede di un soffio il norvegese Sondre Nordstad Moen, entrambi con il crono di 34’33” sull’impegnativo percorso di dieci giri da 1134 metri l’uno. Tutto si decide in volata, con un terzetto al comando e il tentativo di allungo nel finale dell’ugandese Albert Chemutai (Athletic Club 96 Alperia), poi terzo al traguardo in 34’35” dopo essere stato subito raggiunto e superato da Tadese e anche da Moen, che anche nel breve conclusivo in rettilineo cerca di affiancare l’avversario, ma senza successo, anche perché Tadese lo chiude astutamente come in una volata ciclistica. Quarto l’altro ugandese Oscar Chelimo (Assindustria Sport Padova, 34:49), staccato nella salita del penultimo giro, mentre chiude più lontano il burundese Onesphore Nzikwinkunda (Atl. Casone Noceto), leader della scorsa edizione e stavolta quinto con 35:14 davanti al ruandese Felicien Muhitira (Italia Marathon Club, 35:30).

Nella “cursa i sant’Anna”, che vanta 107 anni di storia e si celebra nel giorno della festa patronale, il migliore degli italiani è Daniele Meucci, settimo a un minuto esatto dal vincitore in 35’35” di fronte a una bella cornice di pubblico. Per l’ingegnere pisano dell’Esercito, un test significativo in vista della maratona ai Mondiali di Doha, tre settimane dopo aver conquistato la Coppa Europa dei 10.000 metri con il team azzurro. Alle sue spalle l’eritreo Hiskel Tewelde (36’00”) seguito da Stefano La Rosa (Carabinieri), oro a squadre in maratona agli Europei di Berlino che è nono al rientro in 36’09” con una gara in rimonta, e dal tricolore di mezza maratona Ahmed El Mazoury (Atl. Casone Noceto), decimo in 36’12”.

Fonte fidal

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti