Giorgio Calcaterra campione mondiale della Wings for Life Run, 88,44 km e 6600000 euro a favore della ricerca sulle lesioni al midollo spinale

Di GIANCARLO COSTA ,

Giorgio Calcaterra Wings for Life 2016
Giorgio Calcaterra Wings for Life 2016

È Giorgio Calcaterra il Re indiscusso della Wings for Life World Run 2016, ultimo atleta al mondo ad essere raggiunto dalla Catcher Car correndo 88,44 km, record assoluto delle tre edizioni dell’evento benefico: “Non mi aspettavo di essere il vincitore mondiale, ma soprattutto non pensavo di riuscire a correre per oltre 88 km, il mio obiettivo erano gli 82 km – ha dichiarato il neo campione - Sono davvero orgoglioso di questo incredibile risultato, emozionante tanto quanto vincere il primo posto nel Mondiale di Ultramaratona. Sono felice di sostenere la Fondazione Wings for Life e la ricerca sulle lesioni al midollo spinale, nella speranza che un giorno si possa trovare una cura. Oggi ho corso per tutte le persone che non possono farlo: partecipare alla Wings for Life World significavivere e condividere, passo dopo passo, emozioni uniche.

In questa domenica di sole, 3.500 atleti tra professionisti, principianti e partecipanti sulla sedie a rotelle, provenienti da tutta Italia, si sono ritrovati sulla linea di partenza di Piazza Castello.

Sorrisi, passione, sudore, entusiasmo e la gioia di “fare fatica”: queste sono le emozioni con cui i runner della Wings for Life World Run 2016 hanno invaso Milano e in contemporanea le altre 33 location dei 6 continenti che hanno ospitato l’evento. Una giornata indimenticabile ricca di emozioni per lo sport e per la ricerca scientifica che ha unito nel mondo oltre 100.000 runner di più di 203 nazionalità diverse.

Grazie alla loro partecipazione, alle donazioni e alle sponsorizzazioni sono stati raccolti in tutto il mondo ben 6.600.000 euro che saranno interamente devoluti alla Fondazione Wings for Life, che da oltre 10 anni finanzia progetti di ricerca internazionali per trovare una cura alle lesioni del midollo spinale.

Per la categoria femminile, la vincitrice in Italia è l’ultratrailer Katia Figini, raggiunta dalla Catcher Car al 51° km: “E’ stata un’esperienza bellissima, un momento di condivisione che unisce tante persone in tutto il mondo per una nobile e giusta causa” - ha dichiarato - “Sono davvero felice e soddisfatta di aver partecipato e di aver raggiunto l’obiettivo che mi ero prefissata”.

Tra le donne l’ultima che in tutto il mondo è stata raggiunta dalla Catcher Car è la giapponese Kaori Yoshida, che ha corso per 65.71 km battendo il record mondiale per la categoria femminile.

Fonte u.s. Say What?

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Può interessarti