Franco Collé, Giuditta Turini e Marina Cugnetto vincono la Swiss Peaks Trail

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio Swiss Peaks Trail (foto organizzazione)
Podio Swiss Peaks Trail (foto organizzazione)

Non si è corso il Tor des Geant, ma Franco Collè è stato protagonista in Svizzera di una gara molto simile per tracciatoe durezza: la Swiss Peaks Trail di 314 km con 22500 metri D+, con partenza da OberWalp e arrivo sul Lago di Ginevra, con 5 basi vita, 24 colli e molti passaggi a quota 3000.
Ha vinto questa gara in 62h43’ ex-aequo con lo svizzero Jonas Russi, terzo una altro italiano, Andrea Mattiato. Nella gara femminile vittoria di Emily Vaudan.

Nella versione più breve di 170 km, ancora una vittoria italiana con Giuditta Turini in 34h36'02", seconda la svizzera Kerstin Dusch e terza la francese Laurence Georges. Nella gara maschile successo del francese Maxime Grenot, con il nepalese Sangé Sherpa e il sudamericano David Calero Rodriguez a completare nell’ordine il podio.

Sulla 42 km vittoria femminile di Marina Cugnetto in 4h41’, mentre la gara maschile va al francese Kevin Vermeulen

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti