Francesca Canepa prima e Franco Collè secondo conquistano l'Eiger Ultra Trail a Grindelwald (SVI)

Di GIANCARLO COSTA ,

Franco Collè secondo all'Eiger Ultra Trail (foto jungfrauzeitung.ch)
Franco Collè secondo all'Eiger Ultra Trail (foto jungfrauzeitung.ch)

E' una delle pareti nord più affascinanti delle Alpi, quelle dell'Eiger che con i suoi 3970 metri ha ispirato le gesta e le imprese di alpinisti di tutto il mondo. Da due anni è diventato anche teatro di un trail lungo e impegnativo, pur con caretteristiche molto corribili, come ricordato dai protagonisti.

Tre i percorsi: Trail E101 con 101 km e 6700 metri di dislivello salita/discesa, Trail E51 con 51 km e 3100 metri di dislivello e Trail E16 con 16 km e 960 metri di dislivello salita/discesa.

Grande prova al femminile di Francesca Canepa, vittoriosa per il seconda anno della gara lunga femminile in 13h33'20” e altrettanto grande prestazione di Franco Collè, che ottiene uno splendido secondo posto in 12h11'05” alle spalle del vincitore svizzero Urs Jenzer in 11h56'42”, quinto l'altro italiano Filippo Cannetta in 13h06'15”.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti