Francesca Bellezza e Paolo Bert si aggiudicano la Cour al Pian del Loup del Circuito La Sportiva Vertical Sunsets

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio femminile Cour al Pian del Loup
Podio femminile Cour al Pian del Loup

Mercoledì 21 giugno si è tenuta la 7^ prova del Circutio La Sportiva Vertical Sunsets, che comprende in tutto 9 gare tutte in salita da correre al tramonto.

A Bagnolo Piemonte la 2^ Edizione della “Cour al Pian del Loup” organizzata dalla S.D. Baudenasca ha visto circa 170 atleti, correre, faticare e soprattutto sudare vista la temperatura, per agguantare o consolidare una posizione nella Classifica Generale e in quella di Categoria.
Infatti il nuovo Regolamento, voluto dagli organizzatori quest'anno ha reso e renderà avvincente il Circuito fino all'ultima gara, infatti ancora nessuna posizione è sicura per gli atleti, sia al femminile sia al maschile.

Con queste premesse è stata quindi gara dura fin da subito oltre che per lo spirito degli atleti anche per una partenza che non lascia scampo. Pronti partenza via ed è subito pendenza da cardiofrequenzimetro alle stelle, infatti dopo un brevissimo tratto di sentiero gli atleti affrontano la scalinata del Santuario, è questa è già una prima selezione, a seguire tanto sentiero in mezzo a rocce di grande dimensioni e infine un tratto su pista forestale che ha dato per chi ne avesse ancora le forze la possibilità di fare girare le gambe a tutta e rosicchiare secondi fondamentali sugli avversari.

Prova di non facile lettura quindi per la particolarità del percorso che era costituito da 2,1 km e 380 metri di dislivello positivo, leggermente più lungo rispetto all'anno scorso a causa dei danni dell'alluvione di questo autunno che ha pesantemente colpito queste zone.

I record da battere erano quelli della prima edizione del 2016 targati Max Di Gioia con 14'31" e Nadia Re con 18'23", ebbene Paolo Bert in splendida forma chiude col tempo di 13'41" stabilendo il record del nuovo percorso modificato rispetto al 2016 e la stessa cosa fa Francesca BELLEZZA con 17'16" stabilendo anche lei il nuovo record del percorso e comunque andando sotto al tempo del 2016.

La top five maschile si chiude con Diego Ras, Fabio Bonetto, Lorenzo Civallero, Filippo Rossi.
Al femminile dietro la Bellezza si piazzano nell'ordine: Erica Ghelfi, Jessica Tieni, Enrica Scapin e Francesca Ghelfi.

Nella Classifica Generale Filippo Rossi grazie alla sua prova e all'assenza di Manuel Bortolas passa in testa al Circuito, con alle spalle Taziano Odino e Giacomo Messina a questo punto gli unici due che potrebbero impensierirlo per la vittoria finale.

Nella Classifica Femminile invece sembra ormai cosa fatta per la fortissima atleta targata Valsusa Running Team Francesca Bellezza che ha un buon margine sulle dirette inseguitrici che anzi dovranno giocarsi il 2° posto fino all'ultima prova in quel di Cavour tra due settimane, intanto l'appuntamento è a Pramollo mercoledì 24 per la la "Amount per la Voouta" dove oltre al paccogara ci sarà il tradizionale pastaparty compreso nel costo di iscrizione un motivo in più per non mancare e per fare ancora una volta festa.

Fonte Omar Riccardi - Organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti