Eyob Faniel vince la Giulietta&Romeo Half Marathon, seconda Giovanna Epis

Di GIANCARLO COSTA ,

Giulietta e Romeo Half Marathon podio femminile (foto fb Gerda Steyn Athlete)
Giulietta e Romeo Half Marathon podio femminile (foto fb Gerda Steyn Athlete)

Il primo posto di Eyob Faniel, il primato personale sfiorato da Giovanna Epis. Maratoneti azzurri in evidenza nella Giulietta&Romeo Half Marathon di Verona, tappa di passaggio verso l’appuntamento olimpico di Sapporo. Può sorridere Giovanna Epis (Carabinieri) che sfiora il proprio limite nella mezza maratona, correndo in 1h11:25, secondo risultato in carriera, a soli undici secondi dal tempo di 1h11:14 dei Mondiali di Gdynia nello scorso ottobre. La veneziana si classifica seconda alle spalle della keniana Angela Tanui (1h09:45), maratoneta da 2h20:08, vincitrice a Siena Ampugnano in aprile.

Per la 32enne allenata da Giorgio Rondelli è quindi una conferma dello stato di forma a poco meno di due mesi dalla maratona delle Olimpiadi. “Stamattina prima del via non avevo grandi sensazioni - le parole di Epis, in partenza domani per un mese di altura a Livigno - in gara ho corso tanti chilometri da sola, verso il 18esimo ho iniziato ad accusare un po’ di stanchezza ma il caldo s’iniziava a sentire. Sono comunque soddisfatta, i lavori di velocità di quest’ultimo periodo stanno portando i loro frutti, credo di valere almeno un’ora e dieci ma ora c’è da pensare solo alla maratona olimpica”. Terzo posto per la keniana Susan Chembai Aramisi (Gs Orecchiella Garfagnana, 1h13:22).

Punta dritto verso i Giochi anche Eyob Faniel (Fiamme Oro), vincitore a Verona, con tempo per lui “normale” di 1h03:26: l’azzurro primatista italiano della maratona e della mezza partirà oggi per un mese di raduno in altura a Kapsabet, in Kenya, da dove tornerà l’11 luglio. “Non ho forzato esageratamente perché oggi era un test e volevo verificare le mie condizioni a cinquanta giorni dalla maratona olimpica - spiega - Ho avuto ottime sensazioni e questo è quello che cercavo, dunque sono soddisfatto”. Sul traguardo dello stadio Bentegodi lo seguono il keniano Eric Muthomi Riungu (Atl. Saluzzo, 1h04:10) e va sottolineato il terzo posto di Yassine El Fathaoui (Circolo Minerva Parma), al primato personale dopo cinque anni in 1h04:11.

Fonte Fidal

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti