Eyob Faniel in Kenya per preparare le Olimpiadi di Tokyo

Di GIANCARLO COSTA ,

Eyob Faniel ai Mondiali di Doha (foto Colombo Fidal)
Eyob Faniel ai Mondiali di Doha (foto Colombo Fidal)

Un mese di allenamento in altura in Kenya, poi la prima gara dell’anno. È il piano di Eyob Faniel (Fiamme Oro), decollato in direzione di Kapsabet per prepararsi a una stagione 2021 ricca di impegni, con la maratona delle Olimpiadi di Tokyo come destinazione principale. Il primatista italiano dei 42,195 km torna a lavorare sugli altipiani keniani, al pari delle ultime stagioni, per farsi trovare pronto già nelle prime uscite agonistiche programmate per i prossimi mesi. Il 28enne vicentino di Bassano del Grappa, allenato da Ruggero Pertile, ha pianificato il proprio debutto per venerdì 19 febbraio nella quotata mezza maratona di Ras Al Khaimah, negli Emirati Arabi Uniti, che nel cast di lusso ha già annunciato la presenza del primatista del mondo Kibiwott Kandie, del campione mondiale Jacob Kiplimo, del quarto maratoneta di sempre Mosinet Geremew e del vincitore della maratona di Londra 2020 Shura Kitata.

Per Faniel, che ha completato un primo periodo in altura a Tenerife in dicembre, sarà quindi l’occasione per sferrare un nuovo attacco al primato italiano della mezza (1h00:20 di Rachid Berradi), avvicinato nella scorsa stagione fino a 1h00:44 a Siviglia e poi 1h00:53 ai Mondiali di specialità a Gdynia. Dopodiché, nella sua agenda, come avvicinamento all’appuntamento olimpico di Sapporo (domenica 8 agosto) ha fissato una maratona per il mese di marzo, ancora da definire in quale località. A raggiungere Faniel in Kenya, dal 26 gennaio, sarà l’altro maratoneta azzurro oro europeo a squadre Stefano La Rosa (Carabinieri). L’obiettivo è ripartire con la stessa determinazione con cui ha chiuso il 2020, terminato eguagliando nel giorno di San Silvestro il record italiano dei 10 km su strada a Madrid (28:08 come Daniele Meucci). Era il secondo primato italiano di Faniel dopo quello della maratona, corso a Siviglia in febbraio, con il tempo di 2h07:19, un crono che migliorava dopo quattordici anni il precedente record di Stefano Baldini (2h07:22).

Fonte Fidal

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti