Ernica skyrace: tra i monti Ernici successi di Antonio Carfagnini e Rossella Carretani

Di GIANCARLO COSTA ,

L'autore dell'articolo Andrea Cretaro in discesa
L'autore dell'articolo Andrea Cretaro in discesa

Il circuito trail “Corriamo con i camosci” è ormai partito e domenica 19 giugno si è disputata a Prato di Campoli, una località situata tra i monti Ernici nel comune di Veroli (FR) la terza tappa. Dopo le due precedenti edizioni andate benissimo, quest’anno l’Ernica skyrace ha riscosso molto più successo raccogliendo 250 partecipanti, numeri da record per una skyrace e grande soddisfazione per la società “Ernica running” che ha organizzato l’evento, il tutto supportato da “Salomon” e “Matis sport outdoor”. Gare come queste ce ne sono pochissime, la location possiede uno dei faggeti più estesi d’europa ed è situata in una piccola vallata a quota 1100m, la zona è molto conosciuta da chi pratica scialpinismo e snowboard alpinismo nel centro italia e offre belle gite sia d’estate che d’inverno. Il percorso è uno dei più duri, vari e tecnici in circolazione e non ha nulla a che invidiare a gare più riconosciute del nord Italia, attraversa 9 vette di cui 5 sopra i 2000 metri, le altre 4 li sfiorano, una skyrace “dura e pura” con la metà della gara che si sviluppa in quota.

La partenza è stata leggermente in discesa tra i faggi della vallata e ha visto i favoriti Antonio Carfagnini e Andrea Cretaro volare via, dopo 2 km si sono ritrovati praticamente soli percorrendo la prima parte a un ritmo infernale, ovviamente la gara è partita dal primo attacco vero e proprio alla montagna, situato al km 7, ed è stata la salita fino a raggiungere la prima vetta di Monte Bello a fare la prima selezione vedendo Carfagnini distaccare Cretaro di due minuti, da li in poi si è corso praticamente tutto in altura, attraversando Monte Ginepro, monte Cappello, Sella del Brecciaro e poi un tratto in discesa che portava alle Pratelle, al secondo attacco, nella salita fino a Sella Scalelle Cretaro si è rifatto sotto accorciando il distacco sul primo e percorrendo il bellissimo tratto tra Monte Fragara, Monte Passeggio, Monte Pratillo e l’ultima vetta di Pizzo Deta (2041m) a poco più di un minuto.

L’ ultima parte di gara prevedeva 4 km in una discesa ripida e insidiosa fino all’ultimo tratto che rientrava nella vallata di Prato di Campoli, vittoria meritatissima di Antonio Carfagnini (Parks trail Promotion) in 2h30’47”, al secondo posto l’atleta “the north face” Andrea Cretaro (Ernica Running) in 2h35’10”, terzo posto per Massimo Antonelli (Parks Trail Promotion) in 2h50’03”.

Nelle donne vittoria per Carretani Rossella (Montecassiano) in 3h21’12”, seconda Tempesta Raffaella (Asd Terminillo Trail) in 3h21’43”, terzo gradino per Cipollone Annalisa (Parks Trail Promotion) in 3h33’37”.

Di Andrea Cretaro

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti