Eremitica e 3 Santi Trail; successi di Follador e Carrara sui 36 km e di Brambilla e Bianchi 17 km

Di GIORGIO PESENTI ,

Partenza 36 k Eremitica Trail (foto Valetudo Skyrunning Italia Racer)
Partenza 36 k Eremitica Trail (foto Valetudo Skyrunning Italia Racer)

Domenica 28 febbraio 447 trailer si sono divisi tra i due selettivi tracciati sulle colline intorno alla cittadina di Nave nelle immediate vicinanze della cintura urbana della città di Brescia, famosa per essere la città più leonida d’Italia. 164 atleti alle ore 8 sono scattati per l’Eremitica di 36 km mentre in 283 alle ore 9 si sono sfidati sul classico percorso di 17 km. Quest’anno i dislivelli da superare sono stati davvero mistici perché sia quello della long con i suoi 2380 metri D+ e sia quello della 17k di 1200 metri sono stati annaffiati, alla vigilia da una timida nevicata e poi in competizione da un leggera pioggerella semi primaverile, questo fatto meteo hanno reso le discese un pochino scivolose per cui i trailer hanno dovuto prestare la massima attenzione nei tratti dove si rischiava il rotolamento. Hanno fatto bene gli organizzatori Arci Uisp di Nave a non dare retta alle previsioni meteo perché tutto è filato liscio come l’olio e la frescura del cielo nebbioso bresciano ha raffreddato la marcia degli atleti per cui si è sudato ai minimi termini.

Nella 36k maschile c’è stato un podio tutto marchiato con lo stemma giallo rosso della città di Bergamo, primo il bergamasco del team Mammut, Carrara Luca, trionfatore con il tempo di 3h40’53”, sui due gradini mancanti del podio due aquile Valetudo by Racer Miori Luca in 3h51’44” e la new entry nella famiglia cremosa il bergamasco di Villa di Serio Longhi Matteo bronzo in 3h58’37”. Nella 36k rosa prima Follador Cristiana team Aldo Moro Paluzza 4h53’51” seconda Scrinzi Ivonne team Amateur Laeuferclub Kaltern 5h20’46” bronzo per Bortoluzzi Lorenza team Maddalene Sky team 5h27’51”.

Nella mitica 3 Santi Trail di 17 k rosa un’altro successo timbrato in giallo rosso de Bèrghem con Martina Brambilla 2h04’39” del Carvico skyrunning, seconda Franzini Nadia ATL. Paratico tempo 2h05’12” terzo gradino del podio per l’aquila Valetudo Monia Acerbis in 2h14’15”, buono il decimo posto per l’aquila Ghilardi Anna Rosa. Nella classifica dei camosci la fà da padrone il bresciano Bianchi Filippo vincitore con il time 1h31’08” targato Libertas Valsabbia, buon secondo Filosi Marco 1h32’24” società S.A. Valchiese e terzo un’altro bergamasco l’Altitude Antonelli Roberto 1h33’44”. Nei top dieci altri due aquilotti Valetudo integrati da Racer: ottavo il campione lombardo a tappe di skyrunning Persico Vincenzo 1h41’28” e al 9° posto la new entry Paris Giovanni tempo 1h42’46”. Chiudono la classifica 17k Valetudo, Pesenti Giorgio 181° e Briguglio Claudio 270°.

Per classifiche: http://www.wedosport.net/live/classifica.asp

Di Giorgio Pesenti

  • Sono nato a Brembilla, nel bergamasco, e ora vivo a Almenno San Salvatore. Dal 2004 sono presidente della Valetudo skyrunning e collaboro con il network OutdoorPassion dal 2011.



Può interessarti