Emozioni al Three Lakes Trail

Di GIANCARLO COSTA ,

Three Lakes Trail (foto organizzazione)
Three Lakes Trail (foto organizzazione)

Domenica 25 ottobre la Valtramontina in provincia di Pordenone, ha vissuto, sotto molti aspetti, un momento straordinario. Primo perché questa domenica di fine ottobre, tra l’altro col ritorno all’ora solare, ha regalato un cielo azzurro e una bella giornata che ha messo in evidenza i meravigliosi colori autunnali, e poi perché in questo momento di emergenza sanitaria legata al COVID-19 è stato un miracolo riuscire ad organizzare una manifestazione sportiva, oltre che di promozione del territorio, estremamente complessa.

Trecento atleti, che hanno partecipato al Three Lakes Trail 2020 si sono sfidati sulle due distanze a disposizione: 44 e 21 km attraverso i sentieri, passerelle, ponti tibetani, gallerie e saliscendi. Uno spettacolo nello spettacolo.
In considerazione dei molti commenti positivi e degli atleti arrivati un po’ da tutta Italia e da diverse nazionalità europee. Il Three Lakes Trail (Trail dei tre laghi) si sta ritagliando un posto di rilievo tra le competizioni nazionali. C’è ancora spazio per migliorare ma la Polisportiva Valtramontina, supportata dai due comuni di Tramonti di Sopra e di Tramonti di Sotto, insieme all’Atletica San Martino e sotto l’egida dell’Ente di promozione sportiva AICS, si stanno dimostrando molto preparati e attenti alle esigenze degli atleti. Soprattutto nella cura del percorso, che è stato molto apprezzato.

Andrea Moretton (Zero D+ Trail Team) di Dardago, è stato velocissimo ed ha fermato il cronometro a 3:54:42, staccando di meno di un minuto un agguerritissimo Luca Carrara del Team Salomon, mentre tra le donne Cristiana Follador ha chiuso con un tempone, 4:53:53. Nella gara più corta invece si è imposto il top runner di casa. Quel Matteo Cassan che corre con l’Aldo Moro Paluzza, lo scorso anno arrivato sul secondo gradino, stavolta non s’è fatto sorprendere ed è partito da Chievolis a tutta birra. Quando è passato dalle parti di casa sua, nella borgata di Selva, aveva già guadagnato qualche minuto che gli ha permesso di terminare la sua gara davanti a tutti con 1:54:09. Eva Paternoster della Valrosandra invece ha chiuso con 2:31:24, veramente potente anche lei. Entrambe le gare sono state molto veloci, una caratteristica di questo trail, che piace anche per questo.
Alle premiazioni erano presenti il Presidente della Polisportiva Valtramontina Giampaolo Masutti, i due sindaci valligiani rispettivamente Rosetta Facchin di Tramonti di Sotto e Giacomo Urban di Tramonti di Sopra, il Presidente Regionale A.I.C.S. Giorgio Mior, il Presidente dell’Atletica San Martino Franco Cristofoli, il consigliere regionale e presidente del Comitato organizzatore dei Campionati europei master di corsa in montagna, trail running e nordic walking Giampaolo Bidoli, campionati che si svolgeranno in Valtramontina nel maggio del prossimo anno ed infine il rappresentante nazionale AI.C.S. nonché il Direttore Tecnico per la corsa in montagna dell’European Master Athletics Giovanni Tracanelli.

Tutti hanno sottolineato l’importanza per la regione Friuli-Venezia Giulia dell’importanza di ospitare il prossimo anno un evento di così alto spessore sottolineando come questa manifestazione, il TLT giunto alla sua terza edizione, abbia fatto crescere questa consapevolezza riconoscendo ad un territorio bello, selvaggio e ricco di diversi elementi caratteristici che, anche in questo caso, hanno permesso di “fare la differenza”. Un territorio che si presta molto per attività sportive di questo genere e che permettono di promuovere nella giusta maniera la conoscenza e fruibilità di uno dei più bei angoli della regione Friuli-Venezia Giulia.

Fonte AICS Friuli Venezia Giulia

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti