Domenica 2 maggio si corrono a Molfetta i Campionati Italiani dei 10000 metri

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio femminile Campionato Italiano 10000 metri 2020 (foto organizzazione)
Podio femminile Campionato Italiano 10000 metri 2020 (foto organizzazione)

Domenica 2 maggio si assegnano quattro maglie tricolori, le prime su pista della stagione outdoor: a Molfetta (Bari) si gareggia per i Campionati italiani dei 10000 metri, nel nuovo impianto intitolato a Mario Saverio Cozzoli, già sede dei Tricolori invernali di lanci in febbraio. A contendersi i titoli saranno alcuni dei migliori specialisti di questa distanza, e dopo il trionfo di Campi Bisenzio (nel cross) va alla ricerca di un nuovo successo Iliass Aouani (Atl. Casone Noceto). Il lombardo guida le liste stagionali dei 10.000 grazie al notevole 27:52.98 ottenuto a Rubiera il 18 aprile ed è senza dubbio l’uomo da battere della rassegna tricolore. Reduce da un miglioramento di oltre 30 secondi, il 25enne che si è laureato in ingegneria negli Stati Uniti ha messo nel mirino nuovi progressi nel corso della stagione e intanto punta al bis tricolore a un mese e mezzo dalla vittoria alla Festa del Cross.
Tra i più attesi di domenica c’è anche Pietro Riva (Fiamme Oro), quarto nella scorsa edizione di Vittorio Veneto dopo aver dominato per ampi tratti la gara e tornato in azione nello scorso weekend in Francia, a Morton, nei 5 km su strada, conclusi con il primato personale di 13:50. Sabato scorso in Francia ha incassato risposte rassicuranti anche Samuele Dini (Fiamme Gialle), un altro dei possibili protagonisti di Molfetta, sceso a 29:08 nei 10 km su strada, dopo il secondo posto nel cross corto di Campi Bisenzio. Il cast è composto pure da Cesare Maestri (Atl. Valli Bergamasche Leffe) e Neka Crippa (Esercito) rispettivamente secondo e terzo nella recente Mujalonga sul Mar (10 km), dal maratoneta da 2h10:10 Yassine El Fathaoui (Circolo Minerva Parma), e da un’ampia rappresentanza della Casone Noceto, scudettata nel cross: oltre ad Aouani, il due volte campione italiano dei 10.000 Ahmed El Mazoury, Italo Quazzola, un Alberto Mondazzi in crescita (13:48.86 nei 5000 a Milano sabato scorso) e altri buoni interpreti come Nfamara Njie, Francesco Agostini, Badr Jaafari. Per il club della provincia di Parma anche le migliori carte da titolo under 23, in particolare con il vicecampione italiano in carica Pasquale Selvarolo.

Al femminile, la lotta per il titolo include due atlete in evidenza nella stagione del cross come Rebecca Lonedo (Atl. Vicentina, terza ai Tricolori di Campi Bisenzio) e Giovanna Selva (Sport Project Vco, 15:59.00 sabato nei 5000 all’Arena di Milano), la tricolore under 23 Gaia Colli (Atl. Valle Brembana) in gara anche per il titolo assoluto, il duo dell’Aeronautica Sara Brogiato (2h34:24 nella maratona di Siena Ampugnano) e Martina Merlo, quest’ultima tricolore nelle siepi a Modena lo scorso ottobre, la sarda Raimonda Nieddu (Cagliari Atl.) e tra le promesse Anna Arnaudo (Battaglio Cus Torino).

Fonte Fidal

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti