Domani si corre il Memorial Marco Germanetto e Adriano Aschieris con il nuovo protocollo della Fidal

Di GIANCARLO COSTA ,

Il Castello della Contessa Adelaide luogo del Memorial Germanetto e Aschieris
Il Castello della Contessa Adelaide luogo del Memorial Germanetto e Aschieris

Due ricordi in un’unica data. Una manifestazione nazionale che sarà anche una prima assoluta per la corsa in montagna del dopo lockdown. Tutto questo è il Memorial Marco Germanetto e Adriano Aschieris di sabato 18 luglio a Susa (Torino), individuale per le categorie giovanili, a staffetta per gli assoluti. Sarà la prima gara con il nuovo protocollo della Fidal per le partenze: al via in simultanea 50 atleti, suddivisi in 5 griglie di partenza da 10 atleti ciascuna, con un distanziamento interpersonale di 1,5 metri sia in senso verticale che in senso orizzontale. Un primo passo avanti verso il ritorno a una progressiva normalità e, al tempo stesso, un antipasto del Challenge Internazionale Partigiani Stellina del 22 e 23 agosto prossimi, che sarà campionato italiano assoluto e giovanile 2020. Cuore pulsante dell’appuntamento tricolore l’Arco di Augusto così come il Castello della Contessa Adelaide, luoghi della storia di Susa che saranno toccati anche dal Memorial Germanetto e Aschieris, insieme all’Arena (dove è posizionata la partenza) e all’Acquedotto Romano. Un viaggio nella storia antica e medievale che farà da scenario per gli atleti al via.

Molti i protagonisti della corsa in montagna italiana attesi in quella che diventa così anche una prima occasione di confronto e scontro diretto dopo la ripresa dell’attività. Ci saranno i gemelli cuneesi Bernard e Martin Dematteis (Sportification), le campionesse tricolori di staffetta Lorenza Beccaria e Alessia Scaini (Atl. Saluzzo). Presenti, ma in due staffette diverse, Alain e Nadir Cavagna dell’Atletica Valle Brembana: il vicecampione europeo juniores con Nicola Mostacchetti, mentre il fratello prenderà parte alla prova mista con la compagna di club Gaia Colli. Al via, sempre per la società lombarda, anche Alex Baldaccini e Nicola Bonzi. Squadra mista come società per gli azzurri Luca Cagnati (Atl. Valli Bergamasche Leffe) e Henri Aymonod (Corrintime).

Tanti quindi gli spunti di interesse per una manifestazione che ha molto da raccontare: dal ricordo di coloro a cui è intitolata (Marco Germanetto, azzurro della corsa in montagna di cui ricorre il ventunesimo Memorial, e Adriano Aschieris, presidente dell’Atletica Susa e del Comitato regionale FIDAL Piemonte, eletto a fine 2016 e scomparso improvvisamente nel febbraio 2017), agli atleti in gara, al nuovo protocollo organizzativo per un’edizione tutta da seguire.

Fonte Fidal Piemonte

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti