Domani il tentativo di record di salita sul Monviso dei gemelli Dematteis

Di GIANCARLO COSTA ,

I gemelli Dematteis al Rifugio Quintino Sella sotto il Monviso (foto fb Dematteis)
I gemelli Dematteis al Rifugio Quintino Sella sotto il Monviso (foto fb Dematteis)

Tutto confermato per domani con il tentativo di record sulla salita della via normale del Monviso da parte di Bernard e Martin Dematteis, i formidabili gemelli della corsa in montagna, che vivono in Val Varaita, ma che saliranno il Monviso dalla valle Po, da Pian del Re.

Il record da battere è di Dario Viale, grande corridore di montagna degli anni 80-90 di Limone Piemonte, che salì il Monviso in 1h48’54” nel 1986, superando a sua volta il record ufficioso di 2h07’ di Livio Berta Guida Alpina delle Valli di Lanzo.

Esiste anche un record di salita-discesa, stabilito da Paolo Bert nel 2011 in occasione dei 150 anni dalla prima salita del Monviso che è di 3h12’42”, di cui 1h58’03” per la salita.

A domani per sapere se i gemelli Dematteis avranno raggiunto un altro traguardo della loro splendida carriera, accarezzando leggeri il Re di Pietra.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti