Diabete: una patologia condivisa con la corsa

Di GIANCARLO COSTA ,

Diabete una patologia condivisa con la corsa
Diabete una patologia condivisa con la corsa

Di Giovanni Bosio

Esattamente 10 anni fa, mi è stato diagnosticato il diabete di tipo 1. Da quel giorno convivo con questa patologia che mi ha fatto cambiare completamente il mio stile di vita.
Sono da sempre uno sportivo e questo mi ha permesso di avere un compenso glicemico davvero ottimo. Solo negli ultimi anni, però, mi sono scoperto come Atleta di Skyrunning e per competere con i più forti di questa disciplina ho dovuto migliorare ulteriormente la mia conoscenza della dieta, terapia insulinica ed esercizio fisico.
In tutto questo, la mia convivenza con il DT1 è notevolmente migliorata da quando ho iniziato a non aver paura di condividere questa “debolezza” con il mondo sportivo.
Per questo motivo ho deciso di mettermi in prima persona a raccontare la mia vita sportiva attraverso i canali social, con la speranza di coinvolgere sempre più atleti con DT1 a raccontare la loro, in modo da aumentare i nostri livelli di autostima e autoefficacia, fondamentali nella gestione del Diabete.

IL PROGETTO

TEMPI:
Inizio 01/06/2019 Termine 31/10/2019
Modi
• Preparazione e partecipazione a 5 gare di alta montagna (Vertical Endurance).
• Nel periodo indicato verranno monitorati i seguenti dati:
1. Glicemia (24 h su 24 h tramite il sistema di monitoraggio in continuo Freestyle Libre);
2. Battito cardiaco, peso corporeo, pressione arteriosa / (Giornalmente);
3. Dieta, allenamenti, integrazione / (settimanalmente);
4. Esami del sangue / (ogni 2 mesi);

OBIETTIVI A BREVE TERMINE:
• Dimostrare che:
1. si può competere con i migliori Atleti di Skyrunning nonostante il DM1;
2. si può migliorare notevolmente la gestione del diabete tramite la condivisione delle esperienze positive e negative che si incontrano nella vita quotidiana.

OBIETTIVI A LUNGO TERMINE
• Creare una community di atleti diabetici per la condivisione delle esperienze sportive.
• Devolverò i miei premi guadagnati a sostegno di AGDI (Associazioni di aiuto a Bambini e Giovani con il Diabete).

IL TEAM #GBSR

Lavorando insieme si ottengono risultati maggiori rispetto a quando si lavora da soli. Così ho deciso di formare un team sinergy, ecco chi mi seguirà:

Massimo Massarini, medico dello Sport. Da 30 anni di cui 12 in Technogym come direttore della ricerca scientifica. Non si accontenta di studiare lo sport e la fisiologia dell’esercizio, ma ama praticarli sul campo. Ha un passato da velista professionista (2 America’s Cup) ed è da sempre ciclista, scialpinista (ha scritto un testo “In forma per lo scialpinismo”), sciatore e runner.

Roberta Assaloni lavora in ambito diabetologico dal 2003, e nel 2006 ha conseguito il dottorato di ricerca in Scienze e tecnologie cliniche presso l’Università di Udine. Fin dall’inizio della sua attività diabetologica si è appassionata all’utilizzo della tecnologia nella cura del diabete e allo sviluppo di modalità di supporto al paziente diabetico tipo 1 che svolge attività fisica (nel 2006 ha accompagnato due ragazzi diabetici a partecipare alla staffetta dei 100 km del Sahara).

Mattia Roppolo, PhD, Osteopata, Chinesiologo e Preparatore Atletico. È docente a contratto di Atletica presso la SUISM dell’Università di Torino. E’ un appassionato e studioso della biomeccanica di corsa e del sovraccarico funzionale in ambito Running, concetti di cui studia e applica metodi di misurazione e di trattamento. E’ anche un Trail Runner amatoriale, dopo aver fatto l’atleta di Corsa in Montagna nelle categorie giovanili.

Ettore Pelosi, esperto in nutrizione nello sport (master in alimentazione di primo e secondo livello), medico chirurgo, specialista Medico Nucleare e Dottore di Ricerca; sposato con 4 figli, vegano per etica (ha scritto un libro: Alimentazione Vegan per lo Sport), maratoneta per divertimento – 2h41’ di personale.

FACCIAMO LUCE SUL DIABETE GIOVANILE

Tutti i fondi che riuscirò a guadagnare con gare, partecipazione ad eventi, sponsorizzazioni e donazioni libere, saranno devoluti a sostegno di AGD Italia.
Chi sono e cosa fanno?
AGD Italia è un coordinamento tra Associazioni di aiuto a Bambini e Giovani con Diabete.
Nasce nel 1996 per essere un interlocutore credibile nei confronti delle Istituzioni Nazionali.
Sostiene ricerche raccogliendo fondi, svolge progetti e realizza documenti a supporto dei giovani con diabete e delle loro famiglie.

“Ritengo che per contrastare la diffusione di questa patologia, sia determinante creare una cultura sin da piccoli e giovanissimi, nella scuola e nei circoli sportivi, per contribuire a diffondere l’educazione ai corretti stili di vita attraverso lo sport, l’alimentazione e i comportamenti sani “

Se siete interessati al mio piccolo progetto potete trovare maggiori informazioni sul mio sito web www.giovannibosio.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti