Da Nike SportKit per Ipod a Nike+SportBand

Di PAOLOKECORRE ,

2612068167 b04b9bec11 o
2612068167 b04b9bec11 o

Da qualche giorno provo il nuovo
Nike+SportBand in alternativa al sistema di cui avevo già
fatto cenno in un precedente articolo Nike+ Sport kit da abbinare
all’iPod®.

I due sono molto simili in quanto
funzionano entrambi sullo stesso principio e cioè quello di un
sensore posto nella scarpa ed un ricevitore che in wireless registra
le informazioni sulla corsa effettuata. I runners conoscono ormai
questo sistema da tempo, infatti lo SportKit si trova sul mercato
ormai da qualche anno, ma da qualche tempo (dal 10 aprile) era
nell’aria e online,l’arrivo del nuovo sistema. Il limite dello
SportKit era quello di essere legato all’uso dell’ iPod®
Nano e quindi ad un sistema mp3 che era si comodo per il jogging ma
che molti runners avanzati snobbavano proprio per questo motivo. Da
noi infatti il correre con la musica per qualche curioso motivo è
ritenuto “da tapascioni” e portarsi dietro un lettore mp3 senza
usarne la parte fondamentale diventava davvero inutile.

I due principi sono stati concepiti per
condividere le proprie corse con una comunità di utenti che
usino lo stesso sistema e inizialmente ha avuto davvero un grosso
seguito. In questo modo è possibile sfidare virtualmente chi
usa il mio stesso sistema anche all’altro capo del mondo,
gareggiare con lui/lei e confrontarsi creando così un forte
stimolo in più a migliorarsi ma soprattutto…a correre.

Il dubbio se correre con la musica
oppure no inoltre assilla da tempo i runners (italiani direi, perché
altrove questi scrupoli non se li fa nessuno) e di recente la
polemica se sia lecito oppure no usare la musica in gara ha scatenato
grandi polveroni talvolta inutili.

Comunque Nike®
in questo modo ha salvato come si suol dire capra e cavoli proponendo
a 59euro il gadget suddetto, che una volta caricato, inserendo
semplicemente la parte del bracciale che ha un ingresso USB, nel
proprio PC o Mac, è pronto per essere utilizzato. Si inizia a
correre ed al termine re-inserendo l’USB (ed avendo scaricato da
qui
 la semplicissima utility) si possono scaricare i dati della propria
corsa sul proprio profilo registrato su www.nikeplus.com
e condividerli appunto con il resto degli utenti. A differenza dello
SportKit che richiedeva una calibrazione molto accurata, ora risulta
molto semplice eseguirla ricordandosi certo che si tratta di un
gadget piuttosto semplice e relativamente di poco costo, e non
pretendendo quindi precisione assoluta. Lo SportKit quando
opportunamente calibrato conteneva il proprio errore tra il 3 ed il
5%, lo SportBand…..vi farò sapere.

Da qui scaricate tutto ciò di
cui avete bisogno per partire col nuovo SportBand

Qualche parere degli amici utenti:

…discreto accessorio, concepito con una buona ergonomia e
materiali non irritanti.Tra i pro sicuramente la facilità di
utilizzo grazie anche alla Nike + Utility che parte in automatico,
ogni qualvolta si collega la "chiavetta" usb al pc,
permettendo di modificare le classiche opzioni disponibili.
Sicuramente da consigliare a chi non ha l'ipod e non vuole correre
con cuffie e fasce varie, ma a chi è già in possesso
del player Apple non me la sento di proporlo per un eventuale
acquisto, visto anche il prezzo non proprio invitante...

Tra i contro il display davvero piccino e troppo scuro con i
numeri che si leggono a malapena mentre corri, la mancanza di
una qualsiasi retroilluminazione

.ricordandosi sempre che stiamo parlando di un accelerometro
e non di un gps.

Giorgio

……ho provato il Nike Sportband e al primo impatto devo dire
che non è male come apparecchietto nella parte estetica e
pratica….l'unico contro rimane sempre la precisione…..Un pro
forse è la possibilità di calibrarlo manualmente con il
Nike Utility….manca sempre la possibilità di modificare i
dati delle corse.. un'altra cosa, il display non è
retro-illuminato, e potevano farlo con un altra colorazione (display
bianco, scritte nere) per vedere meglio, perchè in momenti di
scarsa illuminazione non si vede proprio niente!

Mario

Prime prove....primi problemi, ‘sta mancata retroilluminazione
rompe le scatole eh? In effetti si legge davvero poco però
bisogna riconoscere che è davvero comodo, niente più
contenitori, fasce in neoprene al braccio, al polso, alla caviglia,
calzoncini apposta con la tasca, fili ecc.....basta chiuderlo e via!!
E poi volete mettere il vantaggio di associare più sensori
immediatamente, con un click, davvero comodo. A me in conclusione
piace, bisognerà vedere nel tempo se la calibrazione si
migliora.

Paolo….kecorre

Buone corse a tutti



Può interessarti