Comano Ursur Extreme Trail: dal 29 al 30 luglio si corre nella Comano Valle Salus

Di GIANCARLO COSTA ,

CUET 2017
CUET 2017

Il Comano Ursus Extreme Trail è una gara di Ultra-Trail che si presenta con una nuova formula: 117 km suddivisi in due giornate: 29 e 30 luglio 2017. Questo permetterà a tutti i concorrenti di percorrere l’intero itinerario nelle ore diurne e poter ammirare le bellezze delle montagne
circostanti. Le due tappe toccheranno praticamente ogni cima della valle e attraverseranno luoghi che profumano ancora di avventura e di libertà assoluta tra il lago di Garda e le Dolomiti di Brenta.

TRE FORMULE DI ISCRIZIONE:
“CUET 117” - VERSIONE INTEGRALE 29 e 30 luglio
Prima tappa - 29 luglio
partenza da Ponte Arche (Comano Terme TN),
arrivo Rango (Bleggio Superiore TN)
Sviluppo: 58 km 4600 m d+
Seconda tappa - 30 luglio
Partenza da Rango (Bleggio Superiore TN),
arrivo Ponte Arche (Comano Terme TN)
Sviluppo: 59 km 3700 m d+

“CUET 37” - 29 luglio
Partenza ed arrivo a Rango (Bleggio Superiore TN);
il tracciato percorre parte della prima tappa della CUET 117.
Sviluppo: 37 km 2650 d+

“CUET 59” - 30 luglio
Si corre solo la seconda tappa della CUET 117:
partenza da Rango (Bleggio Superiore TN),
arrivo Ponte Arche (Comano Terme TN)
Sviluppo: 59 km 3700 m d+

ALCUNE INFORMAZIONI IN PIÙ

Il teatro di questo bellissimo percorso sono i sentieridei monti tra il lago Garda e le Dolomiti di Brenta, che regalano paesaggi mozzafiato e un contesto di gara unico nel suo genere. Il fulcro della manifestazione sarà per la giornata del 29 luglio a Rango, uno di Borghi più belli d’Italia, che per l’occasione si animerà a gran festa; mentre per la giornata del 30 luglio sarà in fondovalle, precisamente a Ponte Arche, noto per le rinomate Terme di Comano e situato in posizione centrale rispetto al tracciato di gara.

COM’È NATO L’URSUS EXTREME TRAIL
L’esigenza della gara è nata dal desiderio degli organizzatori, i ragazzi della Comano Mountain Runners (CMR), di promuovere il territorio e di dare al contempo spazio e visibilità a questo splendido sport che permette di immergersi completamente nella natura.
Un Ultra Trail consente di creare il giusto connubio tra sport e promozione dell’intera valle. Il nome ‘Ursus‘ deriva dal fatto che gli orsi, a partire dalla loro reintroduzione, hanno trovato nelle valli che ospitano la gara un ambiente ideale a cui si sono adattati perfettamente, tanto che se ne possono contare ormai svariati avvistamenti nei tracciati che gli atleti andranno a percorrere il 29 e 30
Luglio. Per questo è stato scelto l’orso come simbolo per la manifestazione.

DOVE SI SVOLGE L’URSUS EXTREME TRAIL
Si corre in luoghi magici. Basti pensare che gran parte del territorio che ospita la gara è stato recentemente introdotto nella Riserva della Biosfera Unesco. Una porzione di territorio tra il Lago di Garda, rinomato a livello internazionale, e le Dolomiti di Brenta nella parte meno antropizzata e che ancora profuma di avventura e libertà assoluta. Una valle particolarmente ricca di biodiversità, ma anche di testimonianze culturali: i magnifici borghi rurali, alcuni dei quali riconosciuti fra
i Borghi più belli d’Italia, ne sono l’esempio. Inoltre il percorso raggiunge nella seconda tappa il Parco Naturale Adamello Brenta, fino ai piedi delle Dolomiti, e da dove è possibile godere una panoramica mozzafiato anche su Molveno ed il suo lago e sulla Forra del Limarò.

Per info e iscrizioni
www.comanomountainrunners.it
info@comanomountainrunners.it
https://www.facebook.com/ComanoMountainRunners
#comanomountainrunners - #cuet

Fonte Pillow Lab

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti