Circuito Dynafit Vertical Sunset: Max Di Gioia e Valentina Picca vincono a Roure

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio del mezzo KVR di Roure (foto fb Delpiano)
Podio del mezzo KVR di Roure (foto fb Delpiano)

Si è corso a Roure mercoledì 29 maggio la cronoscalata 1/2 KVR di Roure, 500 metri di dislivello con uno sviluppo di 2400 metri, terza tappa del Circuito Dynafit Vertical Sunset.

Tra i 173 corridori che hanno partecipato alla notturna di Roure, trionfo per Massimiliano Di Gioia, del Giò 22 Rivera, che in 18’50” ha regolato la concorrenza di Simone Olivetti 2° in 19’42” e Angelo Direnzo 3° in 20’03”. Completano la top ten nell’ordine Luca Gronchi, Lorenzo Becchio, Giacomo Messina, Marco Bergo, Marco Testino, Abbessamirer Mountasser e Massimo Marcuzzo.

Nella gara femminile Valentina Picca sale sul gradino alto del podio in 24'52", seconda Gianfranca Attene in 25'12", terza Serena Delpiano in 25'29".

In download la classifica completa.

Prossima tappa del circuito Dynafit Sunset Race sarà a Crissolo, con il Monviso Vertical Race, domenica 2 giugno a partire dalle 9,30, gara a cronometro.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti