CechUp: a Traona la prima edizione a Michele Boscacci e Arianna Oregioni

Di GIANCARLO COSTA ,

Michele Boscacci vincitore CechUp (foto Torri)
Michele Boscacci vincitore CechUp (foto Torri)

L’ottava tappa del circuito GoInUp ha infatti registrato il nuovo di presenze diventando la più partecipata di sempre. 360 finisher, 106 donne ai nastri di partenza con sold out di pettorali sono i numeri di un evento partito decisamente con il piede giusto. A livello sportivo a dare spettacolo ci ha pensato il campione di scialpinismo del Cs Esercito che ha salito i 452 metri del percorso di gara con lo stratosferico crono di 15’47”. Ma andiamo per ordine.

Archiviate le pratiche di consegna pettorale con le ragazze della segreteria che per motivi logistici si sono viste costrette a rifiutare le ultime adesioni, la gara è partita regolarmente dal sagrato della chiesa parrocchiale di Traona con una lunga scia di frontali accese che si è inerpicata sulla storica e bellissima ciottolata che porta all abitato di Pianezzo e al traguardo di Bioggio. Una vera vertical con pendenze importanti condensate in uno distanza di 2.200m.

LA GARA: Al via il colpo di scena. Uno dei big di giornata, lo scalatore Nicola Golinelli è stato letteralmente travolto da chi lo seguiva. Caduto rovinosamente a terra, la stella della scuderia Affari & Sport non si è però perso d’animo. Nonostante fosse nelle retrovie ha innestato le ridotte e iniziato una strepitosa rimonta. Davanti, tutti dietro a uno scatenato Michele Boscacci.

Il “Laspo Boy” del Cs Esercito non ha lasciato la minima illusione ai diretti avversari. Per lui una vera e propria cavalcata trionfale culminata tra gli applausi alla finish line di Bioggio. Dinnanzi alla chiesa Boscacci è passato in 15’47”. Seconda piazza per Mattia Curtoni (16'50”), mentre terzo si è piazzato il morbegnese Marco Leoni (17’03”). Ai piedi del podio è culminata la rincorsa di Golinelli 4° in 17’05”, mentre 5° si è piazzato il giovane biker Luca del Pero. 17’08”. Completano la top ten di giornata Daniele Corazza, Filippo Curtoni, Guido Rovedatti, Davide Zugnoni e Matteo Corazza.

NELLA SFIDA IN ROSA: Tutto come da copione con la lariana della Recastello Arianna Oregioni che impone la legge della più forte Chiudendo in 21’18”. Seconda piazza la locale Sara Asparini (22’36”), mentre sul gradino più basso del podio è salita la giovanissima Federica Morosini 23’32”. Hanno Completato la top five di giornata Armenia Eleonora e Silvia Berra.

IL CIRCUITO: Messa in archivio l’ottava tappa il circuito GoInUp tornerà giovedì 4 ottobre con la 2ª Roncaiola Vertical di Talamona. Gran finale il 14 novembre con 3ª Arz-Up che dal cuor di Morbegno porterà i concorrenti nella suggestiva frazione di Arzo risalendo al contrario la discesa del Trofeo Vanoni.

CLassifica parziale di circuito:

MASCHILE:
1. Mattia Curtoni
2.Marco Leoni
3. Filippo Curtoni

FEMMINILE:
1. Eleonora Armenia
2. Claudia Ciapponi
3. Chiara Curtoni

Fonte press office sportdimontagna

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti