A Carvico in 500 allo Scaldagambe, successi di Luca Magri e Martina Brambilla

Di GIANCARLO COSTA ,

Luca Magri vincitore della Scaldagambe 2017 (foto Cinzia Corona)
Luca Magri vincitore della Scaldagambe 2017 (foto Cinzia Corona)

Quasi cinquecento atleti si sono ritrovati a Carvico per la seconda edizione dello Scaldagambe Winter Trail Raidlight valido come memorial Savino Laurora, gara di circa 16 km e 500 m D+. Se già si erano registrati numeri altissimi lo scorso anno (in 400), quest’anno davvero si può parlare di una pacifica invasione di runner sui sentieri del monte Canto. Non si sono fatti scoraggiare dalle temperature intorno allo zero e dal meteo incerto, che comunque ha retto per tutta la mattinata. Nell’albo d’oro dell’evento invernale confezionato dalla Carvico Skyrunning entrano Luca Magri fresco acquisto della Recastello e la punta di diamante della Carvico in rosa Martina Brambilla.

Il primo a dar fuoco alle polveri è stato Luca Magri, il bergamasco della Val di Scalve new entry della Recastello. Ha corso il primo chilometro, pianeggiante, in 3’15”. Il campione in carica Benedetto Roda, tesserato nelle fila della Carvico Skyrunning, gli si è incollato a ruota. Nella prima salita (loc. Caneve) Roda ha ripreso e staccato Magri, guadagnando un certo vantaggio. In cima è stato raggiunto dal recastellino Paolo Poli e la coppia così formata ha proseguito insieme fino in località Fontanella. Intorno a metà percorso, si è composto un quartetto con Roda, Poli, Magri e Andrea Rota, giovane promessa lecchese del team Salomon.

Ma sulla seconda salita la situazione si nuovamente modificata. Il quartetto si è sfaldato perché Roda ha sferrato un attacco al quale ha reagito soltanto Rota. Lungo la seconda discesa (intorno al km 11, località San Giovanni) Magri è rientrato sui due. Rota e Magri però non si sono limitati a controllare Roda. Affrontando la gradinata a rotta di collo, i due si sono avvantaggiati mentre il campione in carica tirava un po’ i freni. Tali posizioni (Magri e Rota davanti, Roda più staccato) si sono mantenute fino al traguardo, posto presso l’oratorio San Giovanni Bosco di Carvico.

Il finale pianeggiante ha favorito Luca Magri, che è andato a vincere in 1h05’20”. Andrea Rota ha chiuso in seconda posizione distanziato di 18”. A 34” dal vincitore è giunto Benedetto Roda, terzo classificato. Ai piedi del podio Paolo Poli che ottiene il medesimo piazzamento dello scorso anno. La top ten prosegue con Riccardo Faverio, Roberto Antonelli, Mauro Previtali, Alex Lanfranchi, Dario Rigonelli e Michele Semperboni.

La corsa in rosa ha visto protagonista la favorita della vigilia Martina Brambilla, punta di diamante della Carvico Skyrunning. Partita in testa, ha mantenuto la posizione con una certa tranquillità per due terzi del tracciato. Ai meno 5 però Francesca Rusconi del team Zenithal stava rinvenendo sulla battistrada. La Brambilla ha accelerato ed ha mantenuto la testa, concludendo a braccia alzate. Argento alla Rusconi e bronzo per Maria Eugenia Rossi dei Fo’ di Pe. Nella top five Fabiana Rapezzi e Monica Vagni.

Fonte organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti