Campionati Europei Indoor - Torino 2009

Di GIANCARLO COSTA ,

Mascotte.
Mascotte.

A tre giorni dai Campionati Europei indoor, l'Europa fa i conti con le forze disponibili, e dopo i nomi di Spagna, Germania, Gran Bretagna e Francia, ecco i protagonisti delle altre nazioni che saranno in pista e in pedana a Torino. Inoltre, ampio spazio all'attività australe ed a quella indoor statunitense.

Cercatori d'oro 

Irlanda: tradizionalmente assai ostici in sala, presentano Mary Cullen tra le favorite dei tremila femminili, il già campione d'Europa Gillick sui 400, e l'ex-iridata O'Rourke sugli ostacoli, un po' appannata in questa stagione. Svezia: ritirato Holm, né carne né pesce l'attuale Klueft, attenzione al quattrocentista Wissman ed all'erede di Holm, Thornblad. Estonia: discreti nelle prove multiple, con una outsider nel lungo, la Balta, arrivata a 6.70 pochi giorni fa. Ungheria: temibile il mezzofondista Bene, gran passato da crossista nelle categorie junior e promesse. Finlandia: c'è Evila nel lungo, non in gran spolvero ma in crescendo di forma.

Bielorussia: a casa i migliori, è in crescita l'ostacolista Lynsha. Romania: attenzione alla pesista Heltne-Vilceanu, esplosa recentemente con tre gare over-19 metri, livello mai nemmeno avvicinato in passato. E' ancora fuori gioco il triplista Oprea, in progresso la collega di pedana Bujin. Portogallo: niente Evora, ma l'espertissimo Rui Silva ed un bel gruppo di mezzofondiste come Augusto, Moreira e Monteiro. Repubblica Ceka: il recordman del decathlon Sebrle è della partita. Qualche buona individualità sulle pedane. Slovenia: Osovnikar appare meno reattivo che nelle ultime stagioni. La Sestak nel triplo è tra le favorite. Ucraina: selezione superiore alle venti unità, con Lebid e la ottocentista Petlyuk, oltre a ben tre saltatori in alto. Croazia: Blanka Vlasic, che da sola fa squadra.  

Chiudiamo con una grande squadra, la Polonia, forte un po' ovunque, a cominciare da Majewski, dalle pentatlete, dalla 4x400 uomini e dal solito gruppo del mezzofondo comprendente brillanti individualità sia maschili che femminili. Dal movimento continentale si attendono segnali di dinamismo da una generazione che sia di nuovo, a pieno titolo, competitiva. Un'Europa che sia capace di rigenerarsi e fare quadrato. Anzi, Ovale.

Comunicato Fidal.it - Marco Buccellato

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti